Racing Point: è un copia-incolla della Mercedes?

Letture: 630
R&B Sport

*** Massimiliano Aquino

La Renault è pronta ad inviare un altro documento alla FIA contro la Racing Point. Da giorni ormai va avanti la polemica riguardo le analogie della Racing Point con la Mercedes di Hamilton e Bottas versione 2019. La Renault accusa il team inglese di aver copiato diversi elementi tecnici e aerodinamici della Mercedes della scorsa stagione. Oggetto di discussione: le condotte dei freni. Come è ben noto, le prese d’aria dei freni sono determinanti sulle prestazioni della vettura, poichè hanno il compito di incanalare l’aria al proprio interno per indirizzarla all’interno delle ruote. Basti pensare ai dati forniti dalla Brembo che riferiscono come in particolari condizioni le pinze dei freni possano raggiungere i 1200°C di temperatura.
Marcin Budkoswki direttore esecutivo Renault ha così espresso la linea del team francese: Il punto principale è che i condotti dei freni sono essenziali per differenziare le prestazioni delle vetture di Formula 1 di oggi. Non sono li solo per raffreddare i freni. Sono un dispositivo aerodinamico essenziale, sia all’anteriore che al posteriore in termini di prestazioni aerodinamiche. Ma sono anche essenziali per controllare la temperatura degli pneumatici e sappiamo che la temperatura delle gomme è abbastanza importante.
La Racing Point in un breve comunicato risponde alle accuse: La FIA sa come abbiamo progettato la RP20, siamo tranquilli.
Gli altri team non si sono ancora espressi ufficialmente ma nel paddock tutti approvano le continue segnalazioni del team Renault alla FIA. La Mercedes si è limitata a dichiarare con Toto Wolff che anche i piccoli team crescono. La McLaren rimane in disparte avendo motore Mercedes dalla prossima stagione.
Nicholas Tombazis responsabile tecnico della FIA ha dichiarato di aver effettuato dei controlli sulla Racing Point prima della stagione ma non sulle prese d’aria: “Prima del GP d’Australia siamo andati nella loro sede, dopo aver ricevuto diversi reclami. Ci siamo concentrati sulla monoposto senza verificare le prese d’aria dei freni”. Secondo Tombazis la Racing Point “avrebbe utilizzato elementi tecnici del 2019 diventati solamente nel 2020 elementi esclusivi”. Da regolamento una squadra deve disegnare e costruire senza il supporto di un altro team concorrente. C’è da attendere ulteriori analisi. Sul tavolo della FIA ci sarebbero 8 unità dalla Racing Point da comparare con alcuni elementi richiesti dalla Federazione al team Mercedes.
La risposta della FIA è attesa per il GP di Silverstone.