Provincia, Lucantonio Nicoletti riceve la delega all’Edilizia scolastica e Lavori Pubblici

2816

nicoletti2

Con decreto n.16 del 24 ottobre 2016 il Presidente della Provincia di Cosenza, avv. Graziano Di Natale ha conferito le deleghe ai Consiglieri provinciali. Al bisignanese Lucantonio Nicoletti è stata assegnata la delega all’Edilizia Scolastica e ai Lavori Pubblici.

Con questo conferimento, sino all’esito delle imminenti consultazioni per le elezioni del Presidente e il rinnovo del Consiglio Provinciale, ai sensi dell’art. 39 dello Statuto Provinciale, Nicoletti potrà impartire direttive rispettose dei vincoli posti dalla programmazione operativa; seguire le fasi di proposizione dei provvedimenti, collaborando con gli uffici e con l’esterno; proporre al Presidente l’adozione di dispositivi nelle materie oggetto di delega e relazionare sulle stesse.

“Con il conferimento delle deleghe abbiamo puntato al massimo coinvolgimento dei Consiglieri, in questa delicata fase di gestione dell’Ente”, ha affermato il Presidente Di Natale (nella foto a destra) congratulandosi con i Consiglieri neo-delegati. Il neodi-natale-graziano presidente, in occasione del subentro a Mario Occhiuto, aveva voluto ringraziare i Consiglieri provinciali che lo hanno sostenuto, come nel caso del bisignanese Nicoletti che nella circostanza ha dichiarato: “Non si è trattato di portare avanti una battaglia contro Mario Occhiuto, ma di impedire il perpetrarsi di una gestione dell’Ente senza maggioranza e da decaduti”. Le altre deleghe assegnate dal Presidente della Provincia: A Franco Pascarelli è stata assegnata la delega ai Trasporti, Patrimonio, Pubblica Istruzione e Impiantistica Sportiva; a Ferdinando Nociti assegnata la delega su Viabilità e Difesa del Suolo, Minoranze linguistiche; a Giuseppe Rizzo sono andati Ambiente e Demanio, Tutela, Valorizzazione e Pianificazione del Territorio, Rifiuti, Accoglienza.

 

Ps: Ovviamente ci complimentiamo con il neo delegato per il ruolo raggiunto e non condividiamo le polemiche innescate da anonimi che, già in passato, credono di fare giornalismo ma fanno esattamente tutto il contrario.