Presepe vivente a Mongrassano Scalo

1134

Giovedì 6 gennaio, a Mongrassano scalo (CS) i fedeli della parrocchia San Francesco di Paola, metteranno in “scena” il presepe vivente, la rappresentazione verrà messa in scena sulla via Fornace fino alla vecchia chiesetta dedicata appunto a S.Fracesco di Paola. Qui verrà rappresentata la Natività.

Lungo il percorso si troveranno i vari mestieri e scenari descritti nelle Sacre Scritture, vi sarà la locanda, vi saranno i vari artigiani, pastori, la tipica famigliola Cristiana dell’epoca, ecc.ecc.

Il presepe verrà messo in scena grazie al coordinamento del parroco Don Mario Urlandini, che4 ha saputo coinvolgere tutti in questa “opera”.  Premetto che il nuovo giovane parroco assegnato a questa piccola comunità, è relativamente nuovo, perché Don Mario in queste viuzze e vicoletti ha trascorso la sua infanzia essendo di questi luoghi originario.

Grande contributo alla realizzazione lo hanno dato tutti i cittadini che si sono resi partecipi ognuno come meglio ha potuto. Ricordo che Il presepe vivente (o presepio vivente) è una tradizione cristiana consistente in una breve rappresentazione teatrale che ha lo scopo di rappresentare, con l’impiego di figuranti umani, la nascita di Gesù in una scenografia che viene costruita per ambientare la vicenda della natività.
Il primo presepe vivente della stor…ia fu opera di San Francesco d’Assisi, nel borgo di Greccio, presso Rieti, nel 1223.
Da allora, la tradizione si diffuse nel resto d’Italia e negli altri Paesi cristiani. Oggi, i presepi viventi sono organizzati pressoché in tutto il mondo occidentale cristiano, non solo cattolico, ma anche da parte di fedeli di altre Chiese (per es. Assemblee di Dio, battisti, ecc.). Il periodo in cui vengono svolti è quello delle festività natalizie.
L’ambientazione non è necessariamente quella dell’epoca della nascita di Cristo, ma, spesso, il presepe vivente costituisce l’occasione per mostrare antichi mestieri del luogo ormai in via di scomparsa

Invito tutti a partecipare come spettatori e sono ben venuti tutti i fedeli che vorranno prendere parte alla rappresentazione in maniera attiva come figuranti.

Alberico Paolo Salerno