Presentato “Tequila Sunrise”, un fumetto… da paura

È stato presentato ieri al B-Side di Rende all’interno del ciclo di eventi B-Midgard il fumettoTequila Sunrise, opera dello sceneggiatore Francesco “Paul Izzo” Polizzo e del disegnatore Federico “Peteliko” Pugliese. Nell’atmosfera familiare del pub rendese si è svolta una presentazione vera e propria, di quelle che ci si aspetterebbe di vedere in contesti più “istituzionali” come una libreria; ma non è mancato il tocco informale dato dalla verve dell’autore “Paul Izzo” e dal pubblico, che ha partecipato con numerose domande.

Oltre al già citato autore della sceneggiatura erano presenti anche il “padrone di casa” degli eventi B-Midgard Carlo Borsani e Mario Iaquinta, membro della redazione de Il Bosone – periodico nerd.

12512315_10208991527614164_3977887360387798741_n Presentato "Tequila Sunrise", un fumetto... da paura
Da sinistra a destra: Carlo Borsani, Francesco Polizzo e Mario Iaquinta

Che cosa è Tequila Sunrise? Si tratta di un fumetto autoprodotto che invece di vedere in questo un limite coglie da qui l’opportunità di una maggiore libertà artistica per formarsi “come vuole lui”.

Infatti si tratta di una storia diretta, immediata, decisa, ironica e con quel sano pizzico di citazionismo che non guasta. Ci troviamo infatti nella classica linea di confine fra Stati Uniti e Messico, in una ambientazione che risulta subito conosciuta e per questo capace di far immedesimare il lettore in poche immagini. L’avventore entra nella stazione per ristorarsi un momento e lì… incontra la paura.12553072_10205488847886035_4939587010999071417_n Presentato "Tequila Sunrise", un fumetto... da paura

È importante infatti sottolineare che Tequila Sunrise è il primo numero della serie antologicaAmerican Feed, dal plot semplice quanto geniale: le classiche figure dell’horror (come zombie, vampiri, alieni, insettoidi e BEM) smontate e ricostruite nei contesti dell’America della provincia e dei confini, lì dove le storie sono sempre in bilico fra il diventare puro fantastico o leggenda metropolitana col loro velo nascosto di verità.

Una impostazione che è facile definire tarantiniana, e in parte lo è davvero, non solo per la verve citazionistica e l’umorismo di fondo, ma anche per attenzione e cura dei dettagli. Tuttavia sarebbe riduttivo parlare di Tequila Sunrise come una semplice operazione di omaggio a determinati generi (per quanto, come abbiamo già detto, è un filone certamente presente nell’opera): c’è anche voglia di una narrazione schietta, senza fronzoli, che arrivi direttamente al lettore senza per questo scadere di qualità. L’operazione ci sembra riuscita in pieno.

12552659_503659363128827_7606800248923507962_n Presentato "Tequila Sunrise", un fumetto... da paura
Esempio di narrazione “diretta e schietta”, tratta da due pagine di Tequila Sunrise

Si è trovato il tempo anche di introdurre un altro progetto di “Paul Izzo” davvero intrigante. Stiamo parlando di Ernest Egg, creatura davvero multimediale. Ernest è un “cacciatore di leggende” – così si autodefinisce – della Londra vittoriana, avventura dal sapore epico ma anche divertente che si traspone in una varietà di forse espressive molto ampia: è un libro, è un diario di viaggio, ma soprattutto un cortometraggio realizzato con la tecnica step-motion. Una scelta, quest’ultima, decisamente più faticosa e dispendiosa dell’animazione

12274601_1649648918635001_8797812369452835431_n Presentato "Tequila Sunrise", un fumetto... da paura
Ernest Egg in “carne e ossa”

tradizionale o computerizzata, ma che sposa e sottolinea il carattere sognante, ironico e vintage del personaggio di Ernest. Finanziato attraverso crowfunding, il progetto sta già riscuotendo ottimo seguito e ha aggregato alle sue schiere gente come Giobbe Covatta e Claudio Di Biagio, giusto per citarne un paio.

La serata poi è continuata con la proiezione di un film. Si parlava giustamente di atmosfera tarantiniana, di storia di confine, dell’avventore che entra nel locale… la scelta del film è stata una conseguenza: Dal tramonto all’alba, scritto da Tarantino (che nella pellicola è anche attore) e diretto da Robert Rodriguez; film che quest’anno compie due decadi e che diventa sempre più godibile a ogni nuova visione.

Dm Web di De Marco Fabrizio

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here