Popolari: ora la reggenza del "Siciliano"