Nuove Narrazioni: “Amministrazione, basta incertezze”

Letture: 3369

Basta incertezze, l’amministrazione dia risposte.

La situazione politica a Bisignano sta prendendo una strada che rischia di rivelarsi un vicolo cieco. Non si capisce bene quali siano le intenzioni dei gruppi di maggioranza a parte quella di far emergere una lotta fratricida che ai bisignanesi francamente importa poco. Può essere un ottimo elemento di discussione nei bar, ma è in gioco la credibilità di quella che si è candidata ad essere la futura classe dirigente e a cui i bisignanesi hanno affidato le loro speranze. Sicuramente si sapeva che amministrare Bisignano non sarebbe stato facile, ma qui i problemi sono di altra natura. Emerge sempre di più una scarsa competenza sul piano politico prima che su quello amministrativo. Ci chiediamo tutti, quando finirà questa protervia e si inizierà a fare sul serio? Quando ci renderemo conto che è arrivata l’ora delle risposte e che il tempo è ormai scaduto? È assurdo che i gruppi di maggioranza non si rendano conto di ciò. Risulta particolarmente difficile capire il motivo per il quale il sindaco ha azzerato la giunta per poi rinominarla secondo il medesimo schema ma senza deleghe. Non sono trascorsi neanche 2 anni dal giorno in cui i cittadini di Bisignano hanno consegnato le chiavi della città con una nettissima vittoria per la lista “Energia per il cambiamento”. In tutti questi mesi si vedono solo problemi interni, promesse andate in fumo e cittadini che iniziano a spazientirsi. È ora di mettersi a lavoro seriamente con spirito costruttivo, di servizio e senso del dovere. È l’ultima possibilità che quest’amministrazione ha per dimostrare di essere realmente diversa, i problemi sono tanti e devono essere risolti. I cittadini si aspettano questo dal sindaco, ma anche da tutto il resto della squadra. È bene dire che non ci sono altre possibilità, se anche questo ennesimo tentativo da parte del sindaco di mettere le cose a posto andrà a farsi benedire tutti i membri della maggioranza ne risponderanno davanti ai cittadini.