Nicoletti rassicura, il Crati è monitorato

Letture: 1346

Dopo l’interrogazione di Francesco Lo Giudice, capogruppo di “Alleanza Democratica”, sul presunto pericolo costituito dagli argini del fiume Crati, è il consigliere provinciale Lucantonio Nicoletti a replicare, tranquillizzando gli abitanti della zona Frassia nonché i bisignanesi sulla vigilanza dell’Ente sul tratto interessato. Nicoletti aveva già parlato dei lavori di intervento previsti sulla zona e sulla Sp239, rimarcando che è ferma intenzione della Provincia di Cosenza lavorare per la stabilità del territorio, ed ora si trova a replicare a quello che, sul piano locale, è anche un suo collega d’opposizione: «Ringrazio ovviamente Francesco Lo Giudice per l’interessamento – dichiara Nicoletti – e lo rassicuro sul nostro lavoro. La Provincia ha effettuato già nelle scorse settimane degli approfonditi controlli, monitorando la zona interessata dagli argini del fiume Crati e non solo». Nicoletti replica a Lo Giudice ricordando che «dopo vent’anni, con la mia nomina, la città di Bisignano ha avuto una sua rappresentanza in Provincia. Lo Giudice potrebbe anche pensare maggiormente agli altri problemi della città, mostrandosi più presente nelle altre vicende. Gli consiglio di concentrarsi non soltanto sulla Provincia, ma anche su argomenti di stretto interesse comunale, facendosi vedere maggiormente sul territorio». Nicoletti si concentra sui risultati già ottenuti e su quelli da raggiungere: «Insieme al presidente Mario Occhiuto abbiamo ben chiaro il quadro della situazione, considerando al massimo il territorio. Con il migliorare delle condizioni climatiche, intanto, saranno applicate le giunti sul ponte di Muccone, che collega le città di Bisignano e Luzzi. Spostandoci di qualche chilometro, sono state già aggiustate tutte le imperfezioni stradali registrate nel quartiere luzzese di Petrini, mentre tra qualche settimana si procederà nuovamente con il bitume a freddo per rattoppare i maggiori collegamenti. Ovviamente, è previsto anche un progetto per ridare lustro a larghi tratti delle aree provinciali».

masman