Nel 2021 tutto pronto per Space Jam 2

Letture: 479
R&B Sport

Bambini e bambine degli anni ’90, ma anche prima, possono tornare a sognare: Space Jam 2 tornerà. Bugs Bunny uscirà dalla sua tana e dirà “Che succede amico?”; qualcuno riderà sempre su “quest’anatra” di Duffy Duck; Lola Bunny tornerà a far(ci)gli battere il cuore; il Diavolo della Tasmania rivoluzionerà tutto con una miscela “fresco al limone”; Gatto Silvestro proseguirà nella sua perenna caccia al canarino Titti; e chi più ne ha più ne metta! Stavolta, la star protagonista è l’ala dei Los Angeles Lakers, Lebron “King” James. La pellicola debutterà nelle sale cinematografiche statunitensi il 16 Luglio 2021, non basterà quindi il clima della calda stagione a infiammare il pubblico che, per certo, affollerà le sale.

Era l’ormai lontano, anche se a caldo non sembra, 1996 quando, milioni di ragazzini guardavano spalancati lo schermo, ammaliati da un Micheal Jordan volante e diretto verso il punto della vittoria sui terribili Monstars; da allora, Micheal è entrato nel cuore di una generazione e oltre. Per questa seconda parte parecchie sono le indiscrezioni, James a parte, sul cast: anche questa volta cinque i ruoli disponibili per le altre stelle del basket contemporaneo.

Certo, sarà dura sostituire una delle figure sportive più iconografiche di sempre quale Micheal Jordan e non solo, se si considera anche al suo valore dal punto di vista commerciale, pensando alle famose Air Jordan. Con questa nuova generazione, è facile pensare che molti altri brand ne gioveranno.

Come tutti certamente ricordano, nel primo i Monstars, per vincere la scommessa contro i Looney Tunes, rubarono il talento ai migliori giocatori NBA di allora: Charles Barkley, Muggsey Bogues, Larry Johnson, Patrick Ewing, e Shawn Bradley. Nessun dato certo, per ora, su chi li sostituirà; tuttavia, diversi rumors parlano di Anthony Davis, o anche di Boban Marjanovic. Ma in generale sono molte le speculazioni e altrettanti i nomi: Giannis Antetoukompo, Joel Embiid, Draymond Green, Steph Curry, Russel Westbrook, Zion Williamson e addirittura Kobe Bryant; parecchi dubbi ci sono, oltretutto, sull’ipotetico cameo di Bill Murray, e quasi impossibile risulta la partecipazione del rapper R-Kelly, autore di “I believe I can fly”, vera colonna sonora del film.  Tra dubbi e perplessità, ma anche con speranza, nel 2021 si potrà assistere al ritorno in sala di bambini cresciuti, con i loro figli al seguito; e allora si, davvero si potrà tornare a urlare “I belive I can fly”!

Francesco Sarri