Mia Martini, artista calabrese celebrata in un film di successo

Letture: 461
R&B Sport

Io sono Mia” è stato un successo televisivo su Rai 1. Il biopic, aprendosi sul ritorno in scena di Mimì, dopo sette anni di isolamento dall’ambiente discografico, racconta i successi paralleli alla vita tormentata della cantante di Bagnara Calabra, tra delusioni sentimentali e incomprensioni professionali, senza tralasciare le vergognose accuse di jettatrice, attraverso le sue canzoni.

Accuse che in molti sottovalutarono visto che, nel 1994, portarono Mia Martini, una delle più belle voci della musica italiana, alla morte.

La pellicola analizzerà il difficile rapporto col padre, il successo arrivato negli anni Settanta, le collaborazioni con grandi artisti italiani, fino al definitivo ritiro dalle scene, causato dall’ostracismo dei discografici, che portò immenso dolore alla cantante. Membro del progetto anche la sorella Loredana che, oltre a tutelare la memoria della sorella, ha inserito un inedito, custodito per anni dalla produttrice Caterina Caselli. Tra i personaggi anche Antonio Gerardi (Alberigo Crocetta); Edoardo Pesce (Franco Califano); Daniele Mariani (Renato Zero); e Dajana Roncione (Loredana Bertè). Un omaggio ad una voce fragile e graffiante, unito a un forte desiderio di espressione attraverso la musica, stroncato dalla più becera ignoranza. Come lo stesso Zero cantava in “La grande assente”, oggi in molti continuano a chiedersi “dov’è Mimì?

Francesco Sarri