Mercedes rullo compressore, Hamilton senza storia

Letture: 1301

HAMILTON CONQUISTA IMOLA

MERCEDES CAMPIONE DEL MONDO COSTRUTTORI

Dopo 14 anni dall’ultima edizione sul tracciato di Imola risuona l’inno tedesco della Mercedes. Sul gradino più alto del podio il solito Lewis Hamilton che ottiene anche il giro record. Bottas conquista la pole, Hamilton vince il GP e allunga in classifica. Ancora una volta Bottas deve accodarsi alla vettura numero 44. Un successo che regala al team anglo-tedesco il settimo titolo mondiale costruttori. Un GP entusiasmante pieno di colpi di scena. Sul podio assente Verstappen. Il pilota olandese dopo aver posizionato la sua Red Bull a sandwich tra le due Mercedes, è stato costretto al ritiro – nel corso del 52º giro – a causa dell’esplosione della gomma posteriore destra dopo aver centrato un detrito in pista. Dopo il podio ottenuto nel GP del Nurburgring, Daniel Ricciardo per la seconda volta in stagione, porta sul gradino più basso del podio la sua Renault. Un avvenimento che farà sicuramente felice Fernando Alonso, dalla prossima stagione nel team francese proprio al posto di Ricciardo. La Ferrari prosegue la sua striscia positiva con Charles Leclerc in 5º posizione. Sebastian Vettel dopo una prima parte di gara all’attacco, è stato tradito da un’errore dei meccanici durante il cambio gomme. Vettel al traguardo è giunto in 13º posizione. Eppure le fasi iniziali di gara avevano mescolate le carte in pista. Verstappen brucia Hamilton e si accoda alla Mercedes di Bottas. Solamente il pit stop prolungato di dieci giri ha consentito ad Hamilton di portarsi in testa al GP. Ma proprio durante il giro di rientro ai box, la Renault di Ocon si ferma a bordo pista determinando la virtual safety car che avvantaggia il pilota Mercedes. Bottas accusa il colpo e al 43ª giro viene superato dalla Red Bull di Verstappen. Passano nove giri e la Red Bull di Verstappen termina la gara nella ghiaia dopo l’esplosione della gomma. Safety car in pista per rimuovere la Red Bull numero 33. Ennesimo colpo di scena con la vettura di sicurezza in pista. La Williams di Russel finisce contro le barriere durante le fasi di ripartenza. Al 57º giro riparte la corsa. Bottas prova ad insidiare la prima posizione di Hamilton ma l’inglese prende subito il largo. In quarta posizone Leclerc deve arrendersi prima a Kvyat, poi al pilota della Red Bull, Albon, quest’ultimo, protagonista di un testacoda dopo un contatto con l’Alpha Tauri di Kvyat. Al traguardo ottima quarto posto dell’Alpha Tauri di Kvyat. Sfortunata la gara di Gasly costretto a rientrare ai box per ritirare la vettura. Magistrale gara di Kimi Raikkonen che riesce a percorrere 41 giri con la stessa gomma prima della sosta ai box. Entrambe le Alfa Romeo a punti, con il finlandese in nona posizione e Giovinazzi decimo. Il successo di Imola avvicina ulteriormente Hamilton al settimo titolo mondiale. Il team Mercedes festeggia anticipatamente il settimo mondiale costruttori. Un record assoluto nella storia della Formula Uno.

GP Emilia Romagna, Imola, 4.909 km, 63 giri, 309.049 km totali.
Qualifiche
1 L. Hamilton (Mercedes) 1’13″609 2 V. Bottas (Mercedes) 1’13″706, 3 M. Verstappen (Red Bull) 1’14″176 4 P. Gasly (Alpha Tauri) 1’14″502, 5 D. Ricciardo (Renault) 1’14″520 6 A. Albon (Red Bull) 1’14″572, 7 C. Leclerc (Ferrari) 1’14″616 8 D. Kvyat (Alpha Tauri) 1’14″696, 9 L. Norris (Mclaren) 1’14″814 10 C. Sainz (Mclaren) 1’14″911, 11 S. Perez (Racing Point) 1’15″061 12 E. Ocon (Renault) 1’15″201, 13 G. Russel (Williams) 1’15″323 14 S. Vettel (Ferrari) 1’15″385, 15 L. Stroll (Racing Point) 1’15″494 16 R. Grosjean (Haas) 1’15″918, 17 K. Magnussen (Haas) 1’15″939 18 K. Raikkonen (Alfa Romeo) 1’15″953, 19 N. Latifi (Williams) 1’15″987 20 A. Giovinazzi (Alfa Romeo) 1’16″208.
Ordine d’arrivo
L. Hamilton 1h39’56″828, 2 V. Bottas +5″783, 3 D. Ricciardo +14″320, 4 D. Kvyat +15″141, 5 C. Leclerc +19″111, 6 S. Perez +19″652, 7 C. Sainz +20″290, 8 L. Norris +21″131, 9 K. Raikkonen +22″224, 10 A. Giovinazzi +26″369, 11 N. Latifi +27″006, 12 R. Grosjean +27″894, 13 S. Vettel 28″387, 14 L. Stroll +29″066, 15 A. Albon +56″832.
Classifica piloti
L. Hamilton 282 punti, V. Bottas 197, M. Verstappen 162, D. Ricciardo 95, C. Leclerc 85, S. Perez 82, L. Norris 69, C. Sainz 65, A. Albon 64, P. Gasly 63, L. Stroll 57, E. Ocon 40, D. Kvyat 26, S. Vettel 18, N. Hulkenberg 10, A. Giovinazzi 4, K. Raikkonen 4 , R. Grosjean 2, K. Magnussen 1, G. Russel 0, N. Latifi 0.
Classifica costruttori
MERCEDES 478, Red Bull 226, Renault 135, Racing Point (penalizzata di 15 punti) Renault 134, McLaren 134, Ferrari 103, Alpha Tauri 89, Alfa Romeo 8, Haas 3, Williams 0.
Prossimo appuntamento il 15 novembre con il GP della Turchia – Istanbul.