Mancati pagamenti ai dipendenti comunali. Interviene Uil

UIL_logo-150x150 Mancati pagamenti ai dipendenti comunali. Interviene Uil

I mancati pagamenti degli stipendi ai dipendenti comunali non lasciano proprio nessuno tranquillo al municipio di Collina Castello. I lavoratori comunali non hanno ricevuto lo stipendio nel mese di luglio, e sul tema si era già espresso il consigliere comunale di minoranza, Roberto Cairo, che aveva chiesto addirittura le dimissioni al sindaco Umile Bisignano. Anche il segretario cosentino della Uil, Silvano Scarpino, sta dalla parte dei dipendenti comunali e pressa il Comune sull’argomento: «Siamo a ferragosto e i dipendenti del comune di Bisignano non hanno percepito lo stipendio di luglio e nemmeno si capisce quando gli verrà pagato. I lavoratori hanno atteso invano l’accredito della mensilità maturata e, dopo quindici giorni di attese e di speranze, hanno capito che dovranno trascorre il ferragosto in austerity». Scarpino, quindi, si lamenta del trattamento che è stato riservato ai dipendenti comunali: a quanto pare, come dichiara lo stesso sindacalista della Uil, non erano stati avvisati in anticipo su questo mancato pagamento.

Il sindacalista Scarpino preme, quindi, per una risoluzione immediata del problema: «Tutto ciò, oltre a provocare grave disagio ai dipendenti e alle loro famiglie, provoca rabbia, delusione e soprattutto preoccupazione per le condizioni economiche in cui versa il Comune e sulle prospettive future. Il mancato pagamento degli stipendi fa seguito alla revoca da parte della Giunta Comunale di Bisignano dei concorsi indetti precedentemente e che erano prossimi allo svolgimento». La chiusura di Scarpino getta ombre sul futuro e sulle casse economiche dell’ente comunale: «Si rende necessario – conclude – prima di intraprendere eventuali iniziative sindacali, chiedere un incontro con l’Amministrazione al fine di verificare le reali condizioni dell’ente, informando i dipendenti e la cittadinanza sulle reali condizione economiche del Comune di Bisignano».

Massimo Maneggio
su: L’ora della Calabria

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here