Luzzi: Sigilli ad impianto di depurazione

Letture: 1199
Regione Carabinieri Forestale “Calabria”
  • Gruppo di Cosenza – 

COMUNICATO STAMPA 

Luzzi: Sigilli ad impianto di depurazione

Si comunica quanto segue, nel rispetto dei diritti dell’indagato (da ritenersi presunto innocente in considerazione dell’attuale fase del procedimento fino ad un definitivo accertamento di colpevolezza con sentenza irrevocabile) al fine di garantire il diritto di cronaca costituzionalmente garantito

COSENZA 9 Agosto 2023 – I militari della Stazione Carabinieri Forestale di San Pietro in Guarano hanno posto sotto sequestro il depuratore comunale di Luzzi. Il sequestro è avvenuto a seguito di un controllo effettuato nei giorni scorsi che ha evidenziato il non corretto funzionamento dell’impianto di depurazione. In particolarenell’impianto di depurazione e trattamento delle acque reflue urbane, ubicato in località “Ischia del Crati” si è accertata la presenza di un’elevata quantità di fanghi di depurazione maleodoranti sparsi su tutto il piazzale dell’impianto ed ai piedi delle vasche che hanno provocato l’otturazione e l’intasamento delle griglie di raccolta delle acque bianche dell’impianto.

Inoltre si è constatato, ispezionando tutta la condotta di scarico, la fuoriuscita e la tracimazione direttamente sul suolo di reflui urbani maleodoranti allo stato liquido che ha interessato una superficie di mille metri quadri. A seguito del controllo siè pertanto proceduto al sequestro, convalidato dalla Procura della Repubblica di Cosenza, dell’area oggetto della tracimazione e dell’intero impianto di depurazione.

Si è inoltre proceduto a deferire all’Autorità Giudiziaria competente l’Amministratore e il tecnico della società che gestisce l’impianto per attività di gestione di rifiuti non autorizzata e scarico sul suolo di acque reflue non autorizzato.