LSU-LPU, Nicoletti: “A Bisignano nessuna traccia di stabilizzazione”

Letture: 2032


Dopo anni di lunga precarietà, molti lavoratori ex lsu lpu nei comuni calabresi stanno ricevendo la proroga dei contratti, finalizzati alla definitiva stabilizzazione. “Bisignano ultima anche in questa occasione” – scrive Nicoletti.

“Dopo ACRI in “dissesto”, LUZZI, MONTALTO “predissesto” ROSE e PAOLA ieri anche ROSSANO-CORIGLIANO e oggi ZUMPANO hanno stabilizzato gli LSU LPU” – ha commentato il consigliere di Bisignano, Lucantonio Nicoletti che già più volte ha avuto modo di ribadire le sue perplessità sul tema delle assunzioni comunali.
Già nel mese di Maggio scorso infatti Nicoletti chiedeva la stabilizzazione di due lavoratori socialmente utili, anzichè utilizzare il finanziamento di 40.000 euro per nominare un dirigente esterno sulla base dell’applicazione dell’art. 110 del T.U.E.L.

“Complimenti alla premiata DITTA Sindaco e Vice Sindaco (assessore al personale) per questo nuovo RECORD negativo. Per quanto riguarda il Vice Sindaco, non avevo dubbi che anche in questo settore non faceva niente, visto che anche negli altri settori non ha messo in atto alcuna iniziativa”.

Nicoletti, che già in passato ha mostrato la sua vicinanza ai lavoratori ex LSU/LPU (il suo primo intervento in consiglio comunale nel 2011, trattava proprio la vicenda dei lavoratori lsu-lpu) ed invita così l’amministrazione comunale a porre immediatamente attenzione nei confronti di queste risorse umane, divenute ormai indispensabili per il funzionamento della macchina comunale, procedendo ad una una definitiva stabilizzazione, così come sta avvenendo in altri importanti comuni della provincia. A tal proposito, si fa presente che, a seguito legge di Bilancio N° 128 del 2/11/2019, viene ampliata di fatto la possibilità per gli enti pubblici di assumere a tempo indeterminato i lavoratori socialmente utili e di pubblica utilità (ex LSU/LPU) che potranno essere assunti dall’Ente utilizzatore o da altre amministrazioni pubbliche ubicate nella medesima provincia.

“Con l’augurio che questo 2020 possa far ragionare chi di competenza chiedo di provvedere anche noi come COMUNE alla stabilizzazione dei nostri 40 precari” – conclude la nota Nicoletti.