Lotta agli incendi boschivi: proposte per facilitare le operazioni di spegnimento

Letture: 1770

L’estate 2022 si presenta molto negativa per quanto riguarda gli incendi boschivi, questi sono iniziati già nel mese di maggio e, a causa della stagione molto calda e siccitosa, si prevede continueranno con accentuata frequenza ed intensità.

E’ tardi ormai per fare prevenzione, ma qualcosa si potrebbe fare per facilitare le operazioni di spegnimento degli incendi, colmando velocemente delle gravi lacune che si trascinano da sempre, ad esempio la presenza di idranti per il rifornimento delle autobotti.

Nel centro di Bisignano e nelle colline circostanti, che sono le località più colpite dagli incendi, non ci sono idranti per il rifornimento delle autobotti; quando i Vigili del Fuoco, Calabria Verde ed i volontari della Protezione Civile debbono fare rifornimento d’acqua si debbono recare al Campo Sportivo o ad Acri, in ambedue i casi sono necessari da un’ora ad un’ora e mezza per fare rifornimento e tornare operativi sull’incendio. Si tratta di tempi incompatibili con una proficua attività di spegnimento.

Sarebbe necessario che l’amministrazione comunale provvedesse con celerità all’installazione di idranti nei punti nevralgici, ad esempio presso il serbatoio dell’acquedotto, all’incrocio tra provinciale Bisignano-Acri e ss 660, in loc. Pucchio e/o in altre località idonee.

Per non piangere poi sul latte versato.

Dott. Flavio Sposato