Live School: la qualità dell’E-Learning riparte dalla Calabria

Letture: 607

La scuola riapre con Live School, piattaforma sviluppata da una start up calabrese: una piattaforma capace di soddisfare le urgenti esigenze di didattica a distanza e non solo.
La piattaforma simula una classe reale dove l’insegnante svolge la lezione con la partecipazione visiva e l’interazione di tutti i suoi alunni, potendo anche integrare la stessa lezione con materiale didattico di vario genere (video, lavagna, appunti, grafica,ecc…).
In pratica, si sviluppa l’E-Learning nella sua forma più pura, valorizzando la capacità, la fatica e la possibilità del cambiamento, che nel mettere a fuoco il rapporto tra individui ed organizzazione, in cui ciascuno dei due elementi non può vivere senza un’interazione consapevole con l’altro. Si valorizza con Live School la capacità di lavorare in gruppo, in modo che le abilità vengano acquisite e sviluppate e per migliorare il collaborare insieme, che è indispensabile per mettere insieme competenze diverse.

Sviluppata dalla società Sportcom.tv, specializzata in soluzioni di streaming, questa piattaforma diventa necessaria in questo periodo di E-Learning “forzato”, come dichiara lo stesso ideatore e sviluppatore Pino Savaglia: “Vista l’esigenza e analizzato quanto offriva il settore siamo partiti subito nello sviluppo della piattaforma, forti anche dell’esperienza che ci deriva dall’aver sviluppato di recente una altrettanto innovativa e collaudata piattaforma utilizzata per lo streaming nel mondo degli eventi sportivi. Giorni di duro lavoro ed ecco pronta la prima versione funzionante e solo da rendere “friendly” all’utilizzatore finale.
Sviluppato interamente “in house”, si basa su un circuito privato/riservato, dove ogni insegnante/classe si rivolge solo ai propri alunni, come è giusto e logico che sia. Ci viene difficile pensare di fare didattica online su piattaforme social e di video sharing (proposte da alcuni applicativi) così come ci sembrano molto approssimative e inefficienti le soluzioni che le varie scuole stanno adottando (giustificate ovviamente dal fatto che ci troviamo di fronte a un evento imprevedibile)”.

Una piattaforma che può essere implementata: “Procedendo nello sviluppo ci stiamo rendendo conto delle incredibili possibilità didattiche che può offrire questa piattaforma e la stiamo arricchendo di soluzioni capaci da un lato di sopperire subito alle esigenze attuali dovuti all’emergenza Coronavirus e dall’altro di aprire la strada a nuovissime opportunità per tutto il mondo della didattica, anche classica. Nuovi scenari in vista oserei dire”.
Live School è in test finale e dalla prossima settimana partirà il test reale con alcune classi pilota calabresi.
Dopo il test sarà resa disponibile a tutti gli istituti e i docenti italiani interessati
Per tutto il periodo di emergenza sarà concesso in licenza gratuita l’utilizzo della piattaforma per alcune classi.

Inoltre: “Sarà garantita l’assistenza tecnica per essere subito operativi. Per il prosieguo stiamo valutando varie opzioni per renderlo disponibile, accessibile e pienamente utilizzabile al maggior numero possibile di scuole, docenti e Istituti vari.
Per maggiori dettagli (e per prenotarne l’utilizzo appena sarà ufficialmente disponibile) i docenti e gli Istituti possono visitare il sito ufficiale www.liveschool.live “.