La Sanità in Calabria langue in uno stato comatoso

Il Ministro della Salute Lorenzin prima di avventurarsi in spericolate ed inattendibili dichiarazioni come quelle rilasciate alla rivista Formez-PA alcuni giorni fa, farebbe bene a documentarsi preventivamente sullo stato della sanità in Calabria e l’attuazione del relativo piano di rientro.

Farebbe ancora meglio se anziché fidarsi di quanto raccontatole, decidesse di verificare personalmente ciò che definisce “lavoro innovativo che permette benefici sulla vita”, si renderebbe conto che la sanità calabrese langue in uno stato comatoso che non riesce a garantire nemmeno l’emergenza-urgenza per migliaia di cittadini, privati degli elementari e minimi livelli di assistenza.

Il Ministro, collega di partito dell’ ex Presidente Scopelliti, deve sapere che l’unico “modello calabrese” fino ad ora visto, conosciuto e sperimentato sulla nostra pelle è quello dell’improvvisazione, conseguenza della parzialità e favoritismo politico, il quale ha generato il caos che regna sovrano nelle diverse strutture sanitarie ed in modo particolare in quelle della provincia di Cosenza.

Invitiamo la Signora Ministra Beatrice Lorenzin a venire in Calabria ed a verificare come per salvare la vita bisogna affidarsi al cielo considerato che, giusto per fare un esempio, una sola ambulanza medicalizzata non può servire una popolazione di circa 60.000 abitanti che vivono su un territorio che va dal mare ai monti,  suddiviso in 15 comuni, con il primo pronto soccorso organizzato e strutturato alla meno peggio distante circa 70 Km.

La invitiamo altresì, anche in considerazione dell’inevitabile decadenza, a sostituire al più presto l’attuale commissario ad acta con qualcuno che faccia gli interessi di tutti e che non venga da Roma come già accaduto.

Già questo sarebbe il primo passo verso la costruzione di una nuova sanità e segnale che il Governo è per i cittadini e non per gli amici di partito.

Cosenza 02/04/2014

Raffaele Papa
Movimento L’Italia del Meridione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here