La Politica Camaleontica zavorra della Calabria

mpa_Cs La Politica Camaleontica zavorra della Calabria

Dal Convegno su Infrastrutture e Trasporti tenuto a Rossano qualche giorno fa, apprendiamo per come riportato dalla stampa,  della scoperta da parte dell’On. Misiti  che la Calabria necessita di un sistema infrastrutturale e viario, diversamente non potrà mai decollare e propone di guardare allo sviluppo superando ogni forma di assistenzialismo.

Dopo tale illuminante rivelazione, seconda solo alla scoperta dell’acqua calda, sorge spontaneo l’inevitabile dubbio e conseguente domanda: ma il già Vice Ministro delle Infrastrutture e Trasporti,  nell’ultimo decennio per non andare oltre, è stato in Calabria o altrove?

Ben sappiamo come fu guadagnato l’incarico ministeriale e stendere un pietoso velo è il minimo che si possa fare;

eppure la personalità esprime un curriculum d’eccezione e gran rispetto specie nella gestione di potere decisionale in settori nevralgici e assai sensibili quali Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici e Assessorato Regionale sempre delle Opere Pubbliche, come dire con le mani sempre in pasta e forse più che proposte avrebbe dovuto dare ai calabresi tutti qualche debita spiegazione se le Statali Tirrenica e Jonica sono ancora mulattiere, per non parlare d’altro.

Ma nessuna meraviglia, l’opportunismo non ha limiti e l’arte del riciclo è sempre attuale; sotto le mentite spoglie del nuovo che avanza  la politica del Camaleonte sovrasta, ingabbia e limita uomini e territori condannandoli a pagare un dazio infinito; è questa la zavorra che impedisce ogni crescita e sviluppo.

La dignità politica,  l’appartenenza e l’attaccamento al territorio si dimostrano con i fatti più che con il cambio di colore delle casacche e fino a che si consentiranno camaleontiche trasformazioni plaudendo alle recite di attori e saltimbanchi, in Calabria ogni gioventù sarà fatalmente destinata a soccombere o abbandonare, ma saranno sempre i figli degli altri a patire o partire.

Cambiare si deve, iniziando da chi dalla politica molto ha avuto per sé e poco, molto poco per la Calabria e i Calabresi tutti.

 

Li 23/04/2012

Raffaele Papa

                                                                           Coord. Prov. Cs MpA – Ad

5 Commenti

  1. ma papa di che cosa parla? parla per sentito dire? se fosse stato al convegno dell’ ON Misiti avrebbe assistito con dati alla mano delle proposte concrete formulate dallo stesso. tra l’altro le proposte sono state spiegate attraverso slide. forse papa è abituato ad assistere alla solita demagogia dei caciocavalli e dei prosciutti…
    ma in politica servono pure i voti

  2. camaleontico? ma il leader provinciale dell’mpa non era in an per poi diventare presidente del consiglio provinciale con oliverio?

  3. Ma papa fa parte dello stesso partito di lombardo indagato per mafia? Se nn sbaglio non è il suo partito che in sicilia ha tradito il patto con gli elettori cambiando maggioranza? Il trasformismo allo stato puro

  4. E’ bello vedere che gli elettori cominciano a valutare le dichiarazioni elettorali di questo o quel politico ricordando anche il passato di chi fà certe dichiarazioni…. Speriamo che questa memoria resti viva anche quando il 6 e 7 Maggio p.v. dovremmo scegliere il sindaco di Bisignano ed attribuire la nostra preferenza al nostro rappresentante! Mandiamo in consiglio persone che almeno sappiano aprire bocca, per non doverci poi vergognare dei nostri rappresentanti quando si troveranno di fronte un microfono (quello del consiglio), salvo tacere per tutta la consiliatura…. Meditate Gente….

  5. Misiti farebbe meglio a spiegarci cosa conosce della nascita del ponte sullo stretto, ma dimenticavo, lui sapeva soltando di accaparrarsi il progetto. Ma oggi di quale partito fa parte? Sicuramente ora starà formulando il progetto di entrare nella coalizione di Monti e sicuramente alle infrastrutture . Io gli consiglio si ritirarsi in pensione e lasciare spazio ai giovani emergenti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here