Investire online e giocare in Borsa: come iniziare e fare i primi (giusti) passi

Letture: 1039

Inizialmente, potrebbe anche sembrare complicato, ma non ti devi preoccupare. Questo pezzo è una prima guida per orientarti meglio nel mondo del trading online. Ti piacerà un sacco, se capirai i suoi meccanismi. Ti servono innanzitutto alcune importanti istruzioni.

Per riuscire a comprendere come investire, bisogna partire proprio dall’inizio e studiare (sì, anche studiare) riguardo a tutto quel che concerne il mondo del mercato azionario. Non pretendiamo che tu abbia la stessa conoscenza ed esperienza di un broker, un professionista della Borsa, ma almeno le basi non ti devono mancare. Tra queste, devi assolutamente conoscere quali sono i funzionamenti del mercato, ossia da cosa dipende l’oscillazione del valore delle azioni.

In questo articolo, ti spiegheremo come iniziare in Borsa: potrai provare fin da subito qualche piccolo investimento (parti sempre con poco) e sentire il brivido lungo la schiena non appena ti prenderai carico di qualche rischio. In pratica, giocare in Borsa è un po’ come giocare a Poker. Devi essere bravo a non perdere la pazienza e a fare le cose per gradi, poiché per ogni mossa, e per guadagnare una cifra considerevole, ci vuole tempo.

Se sei scettico, riguardo a questo, sappi che moltissime persone investono i loro risparmi per acquistare azioni, vederle maturare e poi rivenderle a un prezzo decisamente maggiore. Potresti addirittura costituire un fondo pensionistico con questo metodo.

Investire online. Il primo passo da compiere è molto semplice: il conto demo

Penserai: “Ma se io non ho mai fatto trading in tutta la mia vita, come posso rischiare un gruzzolo di soldi alla cieca?” Giusta osservazione. Molte persone, la maggior parte oramai che pensano di avvicinarsi a questo mondo per riuscire a sbarcare il lunario, non hanno una liquidità tale da rischiare, fin da subito, il tutto per tutto.

Esistono a tal proposito i cosiddetti “conti demo”. Un conto demo è un piccolo fondo di prova. Puoi utilizzarlo per fare i primi tentativi nel trading online, senza rischiare neppure un centesimo. Moltissime piattaforme, tra quelle più serie, mettono a disposizione questo sistema per i loro nuovi utenti.

Attraverso un conto demo è possibile simulare le condizioni di mercato in modalità live e tempo reale e soprattutto si potranno affinare le proprie competenze senza correre nessun tipo di rischio concreto. Un conto demo non comporterà all’utente di depositare i soldi suoi reali per poter fare operazioni  e quindi non ci sarà nessuna possibilità di perdere e di avere gravi danni economici.

Gli esperti in genere consigliano ai trader dilettanti di sperimentare e imparare bene le tecniche di trading on line, attraverso il conto demo, per un periodo che va dai 3 ai 6 mesi. La fretta è una cattiva consigliera:chi non si sente pronto non dovrà mettere soldi suoi ma dovrà continuare in modalità conto demo e sperimentare una ricca gamma di condizioni di mercato.

Secondo passo:formarsi adeguatamente anche in maniera teorica

Ovviamente la pratica è l’aspetto importante ma conta anche molto la parte teorica. Molte tra le piattaforme di trading più evolute offrono agli utenti che si iscrivono delle guide in formato in pdf e spesso totalmente gratuite:all’interno di esse il trader dilettante potrà trovare tutte la spiegazione di tutte le  tecniche di trading on line più importanti.

L’aspetto positivo di queste guide è rappresentato dal fatto che spesso e volentieri vengono scritte usando un linguaggio diretto, semplice e che sia molto comprensibile e intuitivo:infatti spesso la difficoltà per un principiante è rappresentata dalla terminologia tecnica  e complessa.

Alcuni trader preferiscono fare dei corsi di trading on line o in presenza:difficile da dire qual è il modo migliore per imparare tutta la parte teorica in quanto dipende dalla predisposizione di ognuno.

Terzo passo:utilizzare lo stop loss

Altra buona idea è quella di usare questo strumento, che alcuni esperti riassumono in una frase:”bisogna investire solo una quantità di soldi che ci si può permettere di perdere”. Questo concetto è facile da capire e risulta abbastanza lineare ma nella pratica è difficile da mettere in pratica, soprattutto quando ci si trova perdite fisiologiche nel trading.

Con lo stop loss si attiverà una specifica azione ogni volta che una negoziazione arriverà a una certa soglia già stabilita:se il mercato si muoverà in maniera opposta all’operazione fatta dal trader lo stop loss andrà a limitare i danni e le perdite.