Intervento del regista Luca Fortino sul film su Sant’Umile

santumileJ23A Intervento del regista Luca Fortino sul film su Sant'Umile

Dopo qualche mese, si hanno notizie del progetto “Lucantonio, un Umile Santo”, lungometraggio prodotto dalla FilmakerItalia, e incentrato sulla vita del secondo santo di Calabria. Un progetto cinematografico che è stato ufficialmente aperto il 12 luglio, con il primo ciak effettuato nel rione “Cittadella Coscinale” e la successiva presentazione nella “Sala degli specchi” della Provincia di Cosenza.

Successivamente, le riprese effettuate durante la lavorazione sui set esterni ed interni individuati fra i comuni di Bisignano e Stignano sono andate a costituire un primo nucleo artistico fissando per immagini il percorso di vita del Santo dall’infanzia alla morte: i primi, blindatissimi, minuti del Trailer del film sono stati completati in post-produzione e hanno, in questi ultimi mesi, avuto importantissime circuitazioni, commenti positivi e manifestazioni di sostegno nell’esclusivo e difficile mondo delle realizzazioni cine-televisive nazionali e delle loro distribuzioni ripagando così tutte le professionalità coinvolte nel progetto. Si notano subito la bellezza dell’adattamento, per la qualità dell’immagine e la professionalità di realizzazione che tengono alto il nome della Filmakeritalia, una casa di produzione calabrese che non ha paura di puntare in alto. <<Grazie all’impegno congiunto dei responsabili Filmakeritalia e di Don Luigi Falcone, “Lucantonio, un Umile Santo” ha risvegliato l’attenzione degli alti vertici della Santa Sede- ha dichiarato il regista Luca Fortino – e il progetto e il girato sono al vaglio dei funzionari del Vaticano e noi rimaniamo in costruttiva attesa del Patrocinio della Chiesa di Roma per il nostro film. Solo prodotti di una estrema qualità che illustrano sullo schermo con passione ed esattezza la testimonianza di un percorso di fede possono ambire a legare il proprio nome a quello della Santa Sede e noi siamo onorati ed orgogliosi di essere stati presi in considerazione>>

Dunque, anche il Vaticano ha appreso l’ottima iniziativa, ma questa non è l’unica promettente novità che riguarda la produzione di Sant’Umile. Il regista Fortino è fiudcioso sulla possibilità per il film di essere oggetto di finanziamento da parte della Film Commission Calabria. Entrambe le notizie significherebbero un balzo in avanti per la lavorazione del film le cui ingentissime spese di realizzazione gravano sulle spalle della casa di produzione cosentina.

Continua Fortino che, con estrema schiettezza, analizza lo status attuale :<<I contributi ricevuti dal Comune di Bisignano che approfitto ancora una volta per ringraziare profondamente insieme a Besidiae Manici e la BCC Mediocrati, purtroppo, benché cifre importanti, si perdono nei numeri per noi necessari, per questo motivo la cosa che più mi disorienta è l’ansia tendenziosa di vedere pronto quello che si sta configurando come un lavoro sempre più grande ed importante che ha bisogno del giusto tempo per compiersi, espressa da persone che ho conosciuto a Bisignano nelle fasi di preparazione, che usano i giornali per manifestare il proprio malessere pur conoscendo bene il mio recapito mobile utilizzato fin troppo spesso per propormi comparse ed attori>>.

Massimo Maneggio

2 Commenti

  1. Caro regista Luca Fortino a mio avviso sei solamente fumo e niente arrosto!Dal primo giorno che ti ho conosciuto non ho cambiato idea…come regista sei discutibile(ce ne siete tanti),come persona poi hai già lasciato amarezze.Hai avuto a disposizione un pò di denaro;il risultato per lo scrivente non esiste.Forse il vaticano ecc ecc,grandi presentazioni ecc ecc, grande entusiasmo ecc ecc…il problema e’ che il film ancora è ad un punto fermo.Se avessi avuto quel denaro lo avrei speso così:avrei pagato un regista piu UMILE e con attori del luogo lo avrei prodotto e distribuito.Anche tu sei malato di “bisignanesimo”:grandi progetti per mangiare in pochi.Ti auguro di produrre questo kolossal con attori famosi,che venga trasmesso sulle reti Fininvest o Rai così mi posso inginocchiare alla tua lungimiranza.Ti auguro quanto ti serve!Permettimi di imprecare e di prendermela con chi ti ha commissionato questo lavoro…

  2. sig. “Korchia”
    il fatto che lei dica di conoscermi e non si presenti con la
    sua vera identità mi fa riflettere non poco sulla sua
    integrità. In ogni caso, a parte il nick che si è dato
    che di suo la dice lunga sulla sua persona, le comunico che
    la produzione di un film necessita di fondi che vanno ben
    oltre quelli attualmente ottenuti ai quali, se non è al
    corrente, ne abbiamo aggiunto il 200% per la produzione del
    solo trailer. Lei asserisce che avrebbe pagato un regista e
    prodotto il film con attori del luogo. Ma lei sa il
    significato della parola film? Quindi lei riesce a produrre
    un film che esca in onda nazionale con i soldi con cui si
    compra uno scouter? Riesce a convincere una distribuzione ad
    acquisire i diritti di un film in cui ci sono solo attori
    non professionisti ma giovani improvvisati? La produzione
    del film su Sant’Umile non mi è stata commissionata da
    nessuno, è stata un personale scelta antieconomica dettata
    dalla devozione alla figura del Santo. Le ricordo che i soli
    attori professionisti che ho già coinvolto nel trailer
    (Costantino Comito, Alfredo Libassi, Giovanni Martorana) di
    per se costerebbero più dell’intero budget che il comune
    purtroppo ha potuto concedere (e che ringrazio).
    Forse non sa che l’iniziativa ha smosso non solo la film
    commission ma anche alcuni canali del vaticano con cui
    erano in corso delle trattative.
    Detto questo, mi auguro che in Calabria si cancelli l’idea
    che una produzione si realizzi con i risparmi dello
    straordinario, diversamente si finirà inesorabilmente con
    il ridicolizzare la nostra terra come già diversi pseudo
    registi hanno fatto.
    Sono dolente ma questa non è nostra intenzione, stiamo
    lavorando con serietà e per produrre lavori seri occorrono
    i numeri che gente come lei non ci ha concesso.
    Voglio ricordarle anche che ho conosciuto molti bisignanesi
    estremamente corretti e soprattutto devoti, pertanto la
    invito, qualora qualcosa le sia andata per traverso, a non
    fare di tutta l’erba un fascio.
    La invito a non imprecare, considerato che come le ho detto
    è una mia iniziativa per la quale io devo trovare i
    finanziamenti, e se dovesse farlo per favore non parli di
    Sant’Umile. Per qualunque ulteriore delucidazione, dopo il
    suo sfogo, poichè asserisce di conoscermi, può venirmi a
    trovare e riferirmi di persona qualunque cosa abbia da dire.
    Saluti
    Luca Fortino

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here