“In via Savona al 57” alla FESTA DEL CINEMA (Cineteatro di via Volta Peppino Impastato – Cologno Monzese)

Vi comunichiamo che Venerdì 10 maggio 2013, a partire dalle ore 21,15 si terrà la FESTA DEL CINEMA al Cineteatro Peppino Impastato, in via Volta 11 a Cologno Monzese

Si inizia con la proiezione di BUIO IN SALA di Riccardo Marchesini cui seguirà IN VIA SAVONA AL 57 di Gregory Fusaro e Massimiliano Vergani.

Interverranno gli autori di “In via Savona al 57″Gregory Fusaro Massimiliano Vergani.

Prodotto da Officina Indie Milano.

Scritto e diretto da Gregory Fusaro Massimiliano Vergani, il lavoro In via Savona al 57″ ricostruisce la storia del Cinema Mexico di Milano e del suo proprietario Antonio Sancassani.

Interviste anche a Giorgio Diritti Morando Morandini, oltre che a tanti autori e attori.

 

Ecco il trailer di IN VIA SAVONA AL 57:CLICCA QUI PER VEDERE L TRAILER

Presentazione di IN VIA SAVONA AL 57

Qualcuno dice che il cinema non insegue più i sogni e le emozioni.

Qualcuno dice che il cinema è ridotto soltanto a una fabbrica di soldi destinata a pochi fortunati.

Chi lo dice forse non conosce il cinema Mexico di Milano.

Non ne conosce la storia, l’amore verso il cinema del suo proprietario, Antonio Sancassani, e il cuore che batte forte dentro a una sala che ha permesso a migliaia di persone di conoscere un cinema diverso, un cinema libero.

Con il documentario (totalmente auto-prodotto) “In via Savona al 57”, Gregory Fusaro e Massimiliano Vergani ricostruiscono la storia di una delle ultime mono sala milanesi: dal “The Rocky Horror Picture Show” (in sala da oltre 30 anni) ai film di Giorgio Diritti (“Il vento fa il suo giro” rimase in sala 2 anni e mezzo).

Il cinema Mexico propone quotidianamente lungometraggi che per diverse ragioni sono esclusi dalla distribuzione nazionale, dando quindi la possibilità ad autori e registi indipendenti di proiettare le loro opere (spesso auto-prodotte).

Antonio Sancassani applica un metodo alternativo di distribuzione cinematografica, fuori dagli schemi tradizionali: non c’è un programmatore che impone un film.

E l’indipendenza nella distribuzione in un momento di crisi potrebbe rappresentare la salvezza anche per altre strutture simili al Mexico, che forse dovrebbero osare di più e rimettersi in gioco.

Strutture che dovrebbero ribellarsi a un sistema, che applicando devastanti metodi distributivi, ha portato alla chiusura di decine di storiche sale cinematografiche della città.

INGRESSO GRATUITO

Dm Web di De Marco Fabrizio

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here