Il sindaco scrive alla società di riscossione CERIN

Letture: 2629
Ecco la lettera che il sindaco Umile Bisignano ha scritto alla società di riscossione CERIN, al segretario comunale, al responsabile del Settore Finanziario ed ai capigruppo, sul servizio di riscossione:
In riferimento alla Vs nota del 06/03/2015, acquisita al protocollo di questo Ente in data 10103/2015 col n. 4108, si precisa che è intenzione di questa Amministrazione non procedere alla proroga del contratto in essere con Codesta società. Tale decisione si palesa nella Deliberazione di Giunta Comunale n. 17 del 19101/2015, con la quale questa Amministrazione formula appositi indirizzi, ai competenti organi burocratici dell’Ente, volti ad una ridefinizione degli assetti organizzativi della riscossione delle entrate comunali, improntati ad un miglioramento, in termini di maggiore collaborazione, del rapporto con i cittadini-contribuenti.

A tal. proposito, mi preme sottolineare che ii recente utilizzo, da parte di Codesta società, dello strumento del pignoramento presso terzi per ii recupero delle entrate comunali non pagate, seppur legittimo,risulta tutt’altro che improntato al rispetto del precetto normativo di cui all’art. 10, comma 10 della legge 212/2000 (Statuto del contribuente) che testualmente recita: “I rapporti tra contribuente e amministrazione finanziaria sono improntati al principio della collaborazione e della buona fede “. Infatti, l’utilizzo di tale strumento di recupero coattivo dei tributi non pagati, essendo caratterizzato da una notevole forza invasiva, dovrebbe configurarsi come extrema ratio e non come soluzione principale da adottare.

Tale affermazione trova conferma in diverse pronunce giurisprudenziali in materia, le quali sostengono l’idea secondo Ia quale, le forme di recupero coattivo, realizzate attraverso ii pignoramento, devono rappresentare I’ultima fase di un percorso basato innanzitutto su forme di richieste bonarie delle entrate comunali non pagate, allo scopo di ridurre notevolmente il margine di errore nella successiva fase di recupero forzato.

Dunque, per quanto sin ad ora esplicitato, è intenzione di questa Amministrazione improntare ii rapporto con i cittadini al rispetto delle prerogative attribuite agli stessi dallo Statuto del contribuente, ed implementare un sistema di riscossione diretta che, oltre a non essere invasivo, sia volto a tenere in debito conto del momento attuale. caratterizzato da una grave congiuntura economica e da un maggiore impoverimento delle fasce piü deboli della popolazione, di cui non si può che tenere conto.