Il sindaco a Fucile: Debiti lasciati dalle amministrazioni precedenti

umile_bisignano Il sindaco a Fucile: Debiti lasciati dalle amministrazioni precedenti

Il sindaco Umile Bisignano che ha anche la delega al bilancio risponde subito alle accuse mosse in materia di contabilità dal capogruppo di “Bisignano al Centro”, Francesco Fucile. Per il sindaco le cifre riportate da Fucile non hanno attinenza con la realtà. Intanto c’è da precisare che nel documento a firma del capogruppo consiliare erano citati due milioni di debiti e non sei come riportato. Ma, il sindaco è un fiume in piena e contesta ogni accusa. Si parte dal trasporto scolastico che “La mia amministrazione ha da sempre assicurato in maniera gratuita, fra poche in Italia, e che quest’anno ci vediamo costretti a fare pagare grazie ai milioni di euro di di debiti lasciati dalle amministrazioni precedenti ed ai tagli che superano il milione e mezzo”. Capitolo a parte per le somme urgenze: “Siamo in attesa delle determinazioni della Regione e della magistratura visto che per alcune di esse si è arrivati in tribunale”.

A questo punto le precisazioni del sindaco sui debiti fuori bilancio e quindi da riconoscere: “Non vanno oltre le poche centinaia di migliaia di euro. C’è da aggiungere che noi stiamo sanando tutte le pratiche lasciate in sospeso frutto della cattiva gestione del passato che ammontano a milioni di euro”. Alcuni esempi di queste pratiche in sospeso sono: “Edifici pubblici non accatastati, senza piani per la sicurezza, senza agibilità e con tetto in amianto come le scuole”. A proposito delle scuole, precisa il sindaco, “in questi giorni stiamo togliendo l’amianto anche dall’edificio di Collina Castello dopo il plesso Giardini per poi procedere con le altre strutture”.

Da qui i conti: “Abbiamo contabilizzato tutte le fatture ricevute e queste non superano il milione e duecentomila euro: cifra questa che non è da confondere con quelli fuori bilancio”. Insomma, assicura il sindaco, “Stiamo cercando di sanare una situazione allarmante ereditata in parte dalle precedenti amministrazioni di cui Fucile faceva parte e, per alcuni di esse, ne era artefice. Umile Bisignano assicura che a fine novembre il Comune avrà il suo bilancio approvato ed in regola grazie “all’oculatezza e al lavoro quotidiano della sua amministrazione”.

Rino Giovinco
su: Gazzetta del Sud

3 Commenti

  1. Umile Bisignano assicura che a fine novembre il Comune avrà il
    suo bilancio approvato ed in regola grazie “alla oculatezza e al lavoro
    quotidiano della sua amministrazione”. Personalmente aggiungerei soprattutto
    grazie al “mazzo” quotidiano dei contribuenti bisignanesi che spesso si trovano
    a dover pagare tributi anche esosi per ricevere in cambio solamente disservizi. Gli
    episodi della Pimpa, il cartone che spesso guardo insieme alle mie due
    nipotine, contiene fatti molto più credibili se confrontati con quanto è
    scritto nell’articolo affidato alle mani di Giovinco. Le bambine che hanno poco
    più di due anni a sentire la lettura del pezzo oggetto di codesto commento si
    sono messe a ridere scuotendo il capo in un atto di rassegnazione.

    • aggiungerei sig. De Luca , le tasse più alte del circondariale, anzi qualche imposta più del doppio rispetto ai comuni limitrofi!! Da cittadino , che pago 1000 euro all’anno di imu e circa 700 di spazzatura senza contare le imposte sulle persone fisiche, mi chiedo dove mettono i soldi visto che non ci sono servizi ma neanche opere pubbliche realizzate, solo strade rotte, e fogne a cielo aperto.

  2. Sempre la stessa musica, quasi dieci anni che amministra ed è sempre colpa degli altri!!! questi non hanno mai responsabilità eppure in questi anni soldi ne hanno sprecato….

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here