Il Laboratorio di fisarmoniche di Carmelo Astuni

carmeloastuni1 Il Laboratorio di fisarmoniche di Carmelo AstuniGrazie all’idea di Carmelo Astuni, giovane musicista è nato un laboratorio per costruire la fisarmonica. La cittadina cratense che vanta la famiglia De Bonis, una dinastia di liutai maestri riconosciuti in tutto il mondo per l’arte sublime di costruire chitarre battenti, mandolini e violini, si completa con la bottega di strumenti musicali a mantice, anche perché lo stesso Astuni l’esperienza l’ha maturata frequentando il laboratorio di Giuseppe Scavello di Lattarico, che ancora oggi costituisce un patrimonio locale e di riferimento per i più giovani per la costruzione degli organetti ed altri strumenti musicali simili.

Nel laboratorio di Astuni, si costruiscono le fisarmoniche, ma si può usufruire anche della manutenzione, che non è poco visto i tanti appassionati e professori che di questo strumento ne sono maestri e proprietari.

La fisarmonica da sempre è strumento che accompagna la vita, la quotidianità del vissuto, infatti, è principe in ogni festa paesana e se oggi è diventata tanto sofisticata con dei software ultra moderni che completano l’orchestra, ci sono sempre quelle tradizionali, madreperlati nell’estetica oppure più semplici, ma che mantengono lo stesso suono penetrante e squillante tipico, che è difficile resistere e si sceglie quasi sempre di scendere in pista e ballare. Un laboratorio nella cittadina cratense costituisce sicuramente un servizio non solo per la comunità ed una fruizione migliore di approccio con questo strumento che necessita manutenzione in quanto è abbastanza utilizzato dato anche la facilità di rottura dei tasti o della stessa cassa armonica dovuta al peso o alle continue sollecitazioni. L’apertura da qualche mese della bottega e laboratorio, diventa sede e luogo di ritrovo per tanti musicisti, i quali più d’una volta nel portare il loro strumento a sistemare, si fermano più del dovuto mettendo in pratica la loro maestria e il loro talento, così il locale diventa anche spazio di esibizione e registrazione.

Il filo conduttore con il più famoso centro di Castelfidardo nelle Marche resta ugualmente sempre saldo, perché se la patria della fisarmonica è il piccolo e caratteristico paesino anconetano, che presenta un museo unico nel suo genere con centinaia di modelli esposti e prodotti, il giovane posto d’esposizione bisignanese diventa un punto di riferimento. Nasce così, il tentativo di mantenere le tradizioni e soprattutto creare lavoro, attingendo ad una passione che è propria ma anche di tanti giovani che studiano musica.

Scritto da: Ermanno Arcuri
Fonte: Nuobasibaritide

11 Commenti

  1. carissimo compare camelo ,girando su internet mi e venuta la felice idea di scrivere il tuo nome ed eccoti quà.Felicissimo di averti trovato,così possiamo sentirci(per modo di dire)e condividere la nostra amicizia(di più)per sentire come si và.Saluti a tutta la tua famiglia e i tuoi,sopratutto a tuo padre,e i migliori amici che tu sai

  2. Saluti da Donato da Cirò Marina,
    Ci siamo sentiti per telefono, appena trovo il tempo verrò a visitare il tuo laboratorio.
    L’ uscita midi della fisarmonica di cui ti parlavo ha 5 pin.

    Ciao..
    Se vui puoi mandarmi corrispondenza sulla mia Mail

  3. sono in possesso di una fisarmonica 120 bassi exelsior , quando ancora era in garanzia ho dovuto cambiare gran parte della tastiera cantabile in quanto lineata in vari punti. oggi a distanza di qualche anno si e’ ripetuta la stessa situazione , la tastiera si e’ lineata nuovamente nonostante lo strumento e’ tenuto nella sua custodia con cura , lontano dal calore o dall’ umidita’. Non riesco a capire come una fisarmonica con una marca prestigiosa possa accadere tutto cio’ .vorrei sapere gentilmente quanto verrebbe a costare la sostituziione della tastiera cantabile sia quella bianca che quella madreperlata.
    cordiali saluti
    vittorio

  4. mi fa piacere che uno di noi…. c’è riuscito a realizzare quello che da ragazzi si sognava,
    nel ricordo dell’infanzia passata insieme a giocare a nascondino (ammucciatella) ,
    un abbraccio a te e alla tua famiglia e un augurio per la tua attività.

  5. cia carmè non riesco a rintracciarti per registro strumento
    acquuistato da te ,al numero che o non risponde nessuno . a presto fammi sapere.salvatore

  6. non sono riuscito ad avere il tuo numero di tel. per contattarti. Sono Antonio oliverio di San giovanni in Fiore,ed il mio numero è 238 200 8537.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here