Il GAL Valle del Crati offre nuove opportunità di finanziamento per il territorio

Il presidente del GAL Valle del Crati , Stefano Leone, comunica che sono stati pubblicati sei bandi per l’individuazione di beneficiari nei diciannove comuni della propria area Leader: Altomonte, Bisignano, Cerzeto, Cervicati, Fagnano Castello, Lattarico, Luzzi, Malvito, Mongrassano, Montalto Uffugo, Roggiano Gravina, Rose, Rota Greca, San Benedetto Ullano, San Marco Argentano, San Martino di Finita, San Vincenzo la Costa, Santa Caterina Albanese, Torano Castello. Le iniziative proposte dai bandi rientrano tra le ultime opportunità che la Programmazione 2007-2013 del GAL offre al territorio. Secondo quanto previsto dalla Misura 3.1.1, Azioni 1 e 2 del PSR Calabria, due bandi sono stati rivolti alle aziende agricole che intendono diversificare la propria attività, sia nel settore dell’agriturismo (bando n. 4E) sia nel settore delle fattorie didattiche e sociali (bando n.11). Al momento della presentazione della domanda, le aziende richiedenti dovranno essere regolarmente iscritte nell’elenco delle aziende agrituristiche, così per come previsto dalla specifica Legge Regionale o, nel caso delle fattorie didattiche, aver presentato domanda di iscrizione all’albo specifico.

I bandi finanziano interventi immateriali, come l’acquisto di software o la creazione di siti internet, ed interventi materiali, come lavori strutturali, acquisto di arredi e attrezzature, sistemazione di aree esterne. Un terzo bando, identificato con il n°.9B, fa riferimento alla Misura 3.1.2, Azione 2, del Piano di Sviluppo Rurale, ed è rivolto alle micro-imprese che si occupano della cosiddetta piccola ristorazione (trattorie con un massimo di 25 posti, gelaterie e pasticcerie che utilizzino prodotti tipici del territorio), alle micro-imprese che commercializzano prodotti tipici locali o servizi connessi alla promozione e alla valorizzazione turistica del territorio e delle sue tipicità locali. Gli ambiti entro i quali possono essere costruiti i progetti candidabili sono: la piccola ristorazione, incentrata sulla produzione di piatti tipici; specialità gastronomiche e dolciarie basate, in modo prevalente, su prodotti provenienti dal territorio; la commercializzazione delle tipicità locali; i servizi connessi alla promozione e alla valorizzazione turistica del territorio e delle sue tipicità locali. Per questo bando, sono ammissibili sia interventi immateriali (acquisto di software, creazione o aggiornamento di siti internet, servizi specialistici di marketing volti al miglioramento competitivo settoriale per la creazione di forme associate di aziende e marchi comuni) sia interventi materiali (ristrutturazione di fabbricati, acquisto di arredi o attrezzature, adozione di tecnologie per un miglior impiego o eliminazione di sottoprodotti o dei rifiuti, volti a ridurre l’impatto ambientale del ciclo produttivo ecc.). Un quarto bando, il n.1C, fa riferimento alla Misura 1.2.1 del PSR, ovvero all’ammodernamento delle aziende agricole, e propone l’utilizzazione delle economie realizzate dal GAL sulla Misura. Un quinto bando, contrassegnato con il n.10 A propone, invece, la realizzazione di due corsi di formazione: “Operatori del turismo rurale: la gestione dell’azienda diversificata”; “Operatori del settore artigianale/commerciale in ambito agroalimentare: tecniche di trasformazione, conservazione e commercializzazione di prodotti di qualità”. Il sesto bando in pubblicazione, contrassegnato con il n.6C, è destinato agli enti pubblici e fa riferimento alla Misura del PSR 3.2.3 “Tutela e riqualificazione del patrimonio rurale”. Il bando prevede il finanziamento di progetti inerenti il recupero e l’utilizzazione di edifici o strutture rappresentative dell’architettura rurale locale, da destinare ad un’utilizzazione pubblica. Gli edifici oggetto di recupero possono essere ubicati nelle aziende agricole, all’interno dei centri abitati o nelle vaste aree rurali del territorio. La scadenza dei termini per la presentazione dei progetti a valere sul bando 6C è stata fissata al 12 maggio 2014, mentre la scadenza di tutti gli altri bandi è fissata al 21 maggio 2014. Le aziende o gli enti pubblici interessati, che devono ricadere necessariamente nei comuni del territorio del GAL, possono ritirare il capitolato e richiedere tutte le informazioni sui bandi e sulla documentazione necessaria per la presentazione dei progetti, presso la sede del GAL Valle del Crati, sita a Rose in contrada Petraro n. 37 (edificio scolastico).

È possibile prenotare anche un colloquio gratuito con i tecnici dello sportello informativo, appositamente istituito dal GAL, telefonando allo 0984.903161. Gli avvisi relativi ai bandi sono pubblicati sul portale del GAL (www.galcrati.it), sugli albi pretori dei comuni dell’area Leader Valle del Crati, sul portale della Rete Rurale Nazionale all’indirizzo www.reterurale.it (sezione Aree tematiche – Approccio Leader), oltre ad esser visionabili presso tutte le organizzazioni professionali di categoria, che possono fornire ulteriori indicazioni e delucidazioni in merito.

Rose (CS) – 14.04.2014
Ufficio Stampa Gal Valle Crati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here