Il consigliere De Bonis abbandona la maggioranza per aderire all’opposizione

Si potrebbe dire, che per i fatti che si stanno verificando in questi giorni in seno all’Amministrazione Comunale  e per quelli che sono accaduti due anni fa sulla collina Riforma, Bisignano meriterebbe  di essere chiamato il “paese degli smottamenti”.

La lettera protocollata questa mattina presso gli uffici municipali è del consigliere Luca De Bonis che informa il Sindaco di aver deciso di abbandonare la maggioranza per aderire all’opposizione, collocandosi nel gruppo misto il seno al Consiglio Comunale.

Questa ulteriore defezione dalla maggioranza segue di pochi giorni quella dell’assessore Arturo Vilardi  e sarebbe stata determinata   dal fatto che il De Bonis non  condivide i progetti futuri di questa Amministrazione e, per molti versi, anche le scelte finora operate.

Parlavano all’inizio di un vero dissesto che si sta verificando nel gruppo di maggioranza a circa due mesi dalla conclusione della  legislatura,

E’ appena il caso di ricordare l’allontanamento degli assessori Roberto Cairo, Antonello Gallo, Franco Russo avvenuto a suo tempo   che furono sostituiti in parte con l’entrata  in maggioranza dei consiglieri Fernando Bisignano e Mario Umile D’Alessandro.

In seguito al passaggio all’opposizione del consigliere De Bonis che era anche presidente di due commissioni consiliari, la geografia del Consiglio Comunale si presenta così composta:

Gruppo di Maggioranza che comprende il sindaco, Umile Bisignano, Damiano Grispo Andrea Algieri, Michele Astuni, Sara Castrovillari, Francesco Falcone, Domenico Straticò, Franco Vocaturo, Mario Umile D’Alessandro, Carletto Pirri e Fernando Bisignano per un totale di 11.

Gruppo di minoranza che comprende Luca De Bonis, Roberto Cairo, Antonello Gallo, Francesco Attico, Franco Russo, Arturo Vilardi, Francesco Fucile, Pietro Esposito e Sandro Tullio Vilardi per un totale di 10.

Se non si verificano altri smottamenti la maggioranza appare stabile  e può proseguire nella sua attività fino a dare il cambio alla nuova che uscirà dalle prossime elezioni.

Frattanto l’ex assessore Vilardi ha illustrato le ragioni del suo allontanamento attraverso i canali di una nota televisione privata.

Mario Guido
su: Ntacalabria

7 Commenti

  1. Nel caso il consigliere De Bonis si fosse dimesso in vista delle prossime elezioni si tratterebbe senza alcuna eccezione di un eletto pronunciato prima attraverso il voto e poi perfezionato dalla perversa politica “Umiliana”, per questo destinato alla “decapitazione elettorale” da parte dei votanti alle prossime amministrative. Dunque, sarebbe totalmente inutile “la svolta”, di quest’ultimo verso la minoranza. Elettori attenzione e occhi aperti!

  2. Certe mosse alla Schettino non servono a nulla..Per anni ha fatto parte di una maggioranza e tutto ad un tratto non la condivide più????l’avesse fatto qualche anno fa era comprensibilissimo, ma a pochi mesi dal voto sa solo di si sa salvi chi può…

  3. Mosse alla Schettino?????? beh Bisignanesi imparate ad accertarvi delle cose prima di commentare…….
    A maggior ragione che ha fatto parte della maggioranza tanti anni…..per la precisione politicamente ha appoggiato Umile Bisignano da 20anni…….cercate di pensare invece che l’ha fatto per qualche sgarro sensato, o seccato di fare la MARIONETTA……
    Cmq nn mi stupite…come tutti i bisignanesi parlate per fare rumore……mantenetelo x voi un pò di fiato si potrebbe rivelare utile.

  4. Faccio la marionetta da vent’anni per mia scelta, non sono mai stato il suddito di nessuno e ho ritenuto importante parlare non solo per fare rumore. Prima di articolare parole ho sempre studiato i fatti perché certuni accadimenti mi hanno sempre incuriosito al di là degl’interessi demagogici. Per questo, ribadisco di avere molto fiato per seguire le vicende quotidiane, le quali hanno caratterizzato con troppa tendenziosità e continueranno a contrassegnare negativamente la realtà bisignanese. L’esperienza politica, anche quella più negativa, dovrebbe educare il suo soggetto al rispetto della libertà altrui, soprattutto nell’esposizione di contenuti critici derivanti dall’osservazione dell’opinione pubblica locale. Nel caso di “Giuste Ragioni” non c’è bisogno di alcuna giustificazione, che lo difendi dalla posizione presa in Consiglio, attraverso le sue dimissioni. Infatti, la scelta di non voler essere più una marionetta assume una grande valenza democratica, anche coraggiosa, ma questo non costituirà nessuna garanzia nella pratica di accettazione e assimilazione, all’interno di un nuovo contesto elettorale ormai alle porte. Dunque, nessuna polemica ma soltanto un invito alla riflessione anche da parte di chi ha vissuto per venti anni come un burattino e oggi ha deciso finalmente di “smettere” . Cordialmente, Alberto De Luca.

  5. X Giuste Ragioni..
    chi abbandona la nave prima del naufragio dopo averci danzato per 20 anni è un opportunista(..o uno Schettino..). Se per 20 anni l’ha appoggiato (..ma questo votava già alle scuole elementari???visto che ha si e no 34-35 anni…)allora è ancora più sensato il mio post.Non ti puoi accorgere a pochi mesi che la giunta che sostenevi da 20 anni non va nella direzione giusta…Poi al De Bonis uomo auguro ogni bene di questo mondo, ma al De Bonis politico dico di tralasciare la politica e di dedicarsi ad altro, visto che in anni di Consiglio non si è distinto per nessuna iniziativa e/o proposta..

  6. x Guestbook
    Invece di criticare dicendo che in tanti anni di Consiglio nn si è mai distinto per nessuna iniziativa allora pensa gentilmente al xkè…….
    Percepisco di sprecare il mio fiato con te…..di sicuro nn sei talmente di parte da nn sentire nemmeno le ragioni di una persona “politico”……per questo ti dico che di certo nessuno ha bisogno di giustificarsi delle proprie azioni, qnd è sicuro di nn aver TRADITO, MA ESSER STATO TRADITO!!!!!!!
    Con qst nn ho altro da aggiungere…..qnd anche tu segugio dell’attuale sindaco aprirai gli occhi spero di scottarti molto di +di De Bonis….Buona Giornata Schettino Meschino

  7. Caro Giuste Ragioni io ero, sono e sarò sempre contro l’attuale Sindaco. Chi 5 anni fa mi sbeffeggiava perché ero contro l’attuale maggioranza per me deve adesso essere messo da parte. I progetti iniziati 5 anni fa ora si stanno realizzando e non voglio mica che certo gli opportunisti sul carro dei vincitori. Tutti coloro che hanno appoggiato o che appoggiano l’attuale maggioranza sono complici e responsabili del decadimento della città, anche standone solo in silenzio senza proferire parola. La popolazione deve capire che hanno fallito e che devono starsene a casa, come i loro predecessori. Bisignano ha bisogno di gente capace e non di Marionette e Pupari e neanche di gente opportunista che taglia la corda quando gli conviene perché non può più ottenere favori o vantaggi. Uno dei grandi mali di Bisignano e dell’Italia intera sono i politici che cambiano bandiera per opportunismo(..o meglio trasformisti..) che vanificano il cambiamento di maggioranza perchè gli attori che condizionano le azioni di governo sono sempre gli stessi.Quindi fin quando gente come Gallo, Cairo, Russo, Vilardi Arturo, D’alessandro, Bisignano Fernando e compagnia condizioneranno la politica nostrana la Città non avrà futuro…Buona giornata a tutti…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here