Il consigliere De Bonis abbandona la maggioranza per aderire all’opposizione

Letture: 3638

Si potrebbe dire, che per i fatti che si stanno verificando in questi giorni in seno all’Amministrazione Comunale  e per quelli che sono accaduti due anni fa sulla collina Riforma, Bisignano meriterebbe  di essere chiamato il “paese degli smottamenti”.

La lettera protocollata questa mattina presso gli uffici municipali è del consigliere Luca De Bonis che informa il Sindaco di aver deciso di abbandonare la maggioranza per aderire all’opposizione, collocandosi nel gruppo misto il seno al Consiglio Comunale.

Questa ulteriore defezione dalla maggioranza segue di pochi giorni quella dell’assessore Arturo Vilardi  e sarebbe stata determinata   dal fatto che il De Bonis non  condivide i progetti futuri di questa Amministrazione e, per molti versi, anche le scelte finora operate.

Parlavano all’inizio di un vero dissesto che si sta verificando nel gruppo di maggioranza a circa due mesi dalla conclusione della  legislatura,

E’ appena il caso di ricordare l’allontanamento degli assessori Roberto Cairo, Antonello Gallo, Franco Russo avvenuto a suo tempo   che furono sostituiti in parte con l’entrata  in maggioranza dei consiglieri Fernando Bisignano e Mario Umile D’Alessandro.

In seguito al passaggio all’opposizione del consigliere De Bonis che era anche presidente di due commissioni consiliari, la geografia del Consiglio Comunale si presenta così composta:

Gruppo di Maggioranza che comprende il sindaco, Umile Bisignano, Damiano Grispo Andrea Algieri, Michele Astuni, Sara Castrovillari, Francesco Falcone, Domenico Straticò, Franco Vocaturo, Mario Umile D’Alessandro, Carletto Pirri e Fernando Bisignano per un totale di 11.

Gruppo di minoranza che comprende Luca De Bonis, Roberto Cairo, Antonello Gallo, Francesco Attico, Franco Russo, Arturo Vilardi, Francesco Fucile, Pietro Esposito e Sandro Tullio Vilardi per un totale di 10.

Se non si verificano altri smottamenti la maggioranza appare stabile  e può proseguire nella sua attività fino a dare il cambio alla nuova che uscirà dalle prossime elezioni.

Frattanto l’ex assessore Vilardi ha illustrato le ragioni del suo allontanamento attraverso i canali di una nota televisione privata.

Mario Guido
su: Ntacalabria