I ringraziamenti di Veronique Capalbo