Hamilton come Schumacher

Letture: 675
R&B Sport

HAMILTON COME SCHUMACHER : 91 SUCCESSI IN CARRIERA

Il GP dell’Eifel ha il suo vincitore: Lewis Hamilton. Sul tracciato del Nurburgring, il pilota della Mercedes, conquista la 91esima vittoria davanti alla Red bull di Max Verstappen, e alla Renault di Daniel Ricciardo. Un successo storico per il pilota inglese. A distanza di 14 anni dall’ultima vittoria di Michael Schumacher, il pilota Mercedes riscrive il suo nome accanto a quello del tedesco. La settima vittoria in stagione è un sigillo nella storia della Formula Uno. Hamilton centra le 91 vittorie così come i successi ottenuti da Schumacher. Un record destinato ad essere migliorato. Le vittorie potrebbero presto diventare 92, Addirittura superare i 100 GP vinti. Ma al momento non è possibile fare previsioni. Di certo c’è il record eguagliato proprio in terra tedesca, sullo storico tracciato del Nurburgring, in altri termini, nel salotto di casa della famiglia Schumacher. Dopo aver pareggiato e superato il record delle pole position – 96 con la pole di ieri – Hamilton si appresta a battere anche il muro delle 91 vittorie. Un traguardo da sogno per qualsiasi pilota. La vittoria di oggi, è stata coronata da un omaggio particolare. Al termine della gara, Hamilton ha ricevuto in regalo un casco speciale di Michael Schumacher. Un omaggio ricevuto da Mick Schumacher che già scalpita per avere un sedile in Formula Uno dalla prossima stagione. La cronaca del GP di oggi parla dell’ennesimo assolo Mercedes. Partenza senza intoppi nel GP dell’Eifel. Hamilton supera Bottas ma il finlandese non molla e si riprende subito la prima posizione. Leclerc mantiene la quarta posizone ma dopo 4 giri di gara il suo ritardo è di nove secondi dalla Red Bull di Verstappen. Bottas, Hamilton, e Verstappen approfittano delle difficoltà di Leclerc e staccano il gruppetto degli inseguitori. Al nono giro Ricciardo supera la rossa di Leclerc e conquista la quarta posizione. Pit stop per la Ferrari di Leclerc al 10° giro. Un giro dopo rientra la Ferrari di Vettel. Bottas al 13° giro arriva lungo in frenata e Hamilton ne approfitta per guadagnare la prima posizione. Il finlandese rientra ai box per cambiare le gomme. Al 18° giro clamoroso ritiro di Valtteri Bottas per un problema alla power unit. Al 20° giro Hamilton e Verstappen approfittano della virtual safety car per effettuare il cambio gomme. A metà gara la classifica è: 1 Hamilton, 2 Verstappen, 3 Norris, 4, Perez, 5 Sainz, 6 Ricciardo, 7 Leclerc, 8 Gasly, 9 Hulkenberg, 10 Grosjean, 11 Giovinazzi, 12 Vettel, 13 Raikkonen, 14 Magnussen, 15 Latifi, 16 Kvyat. Al 38° giro seconda sosta per Leclerc. Al 43° giro secondo pit stop per Vettel. Al 45° giro Lando Norris ha problemi sulla sua McLaren e parcheggia la sua vettura a bordo pista. I commissari mandano in pista la safety. I piloti ne approfittano per il cambio gomme. La vettura di sicurezza rientra ai box al 50° giro. Non succede nulla sino al traguardo. In pit lane Hamilton è più emozionato del solito. Ma la vittoria di oggi dimostra ancora una volta, che l’accoppiata Hamilton-Mercedes funziona. Per battere la Mercedes numero 44, i team di Formula Uno dovranno lavorare ancora tanto. La Ferrari dopo i segnali di ripresa durante le qualifiche, ha nuovamente pagato l’inefficienza della SF1000 in gara. Il talento di Leclerc è l’unica nota positiva nel team Ferari, sempre più in ombra nel circus della Formula Uno.