Il regista Gregory Fusaro con “Se il cielo è tradito” omaggia Claudio Galuzzi

Letture: 2340

Il nuovo documentario diretto da Gregory Fusaro, “Se il cielo è tradito” – la storia di Claudio Galuzzi – arriva in sala lunedì 7 giugno al cinema Mexico di Milano.

Il documentario racconta la storia di Claudio Galuzzi, scomparso prematuramente nel 1998, attraverso il ricordo di chi lo ha conosciuto e attraverso le parole presenti nel suo libro di poesie “La pianura dentro”. La vita e la carriera artistica dei protagonisti del documentario incrociano la vita e la morte di Claudio, raccontandoci con intensità e poesia gli eventi chiave di questo percorso comune e dell’intensa attività artistica di quegli anni. Dalla scrittura di poesie e canzoni alla collaborazione con altri linguaggi artistici come pittura e fotografia, dalla gestione di un negozio di un particolare dischi a quella del locale “Lenz” di Terranova dei Passerini alle varie collaborazioni con riviste letterarie e musicali, come Pulp, Rumore, Rockerilla.

Locandina film

Le partecipazioni straordinarie

Nell’opera girata dal bisignanese Gregory Fusaro spazio per le interviste realizzate ad artisti come: Antonio Bacciocchi, Cristina Donà, Mauro Ermanno Giovanardi, Marcello Maloberti, Rita “Lilith” Oberti, Ermanno Pea, Massimo Pirotta, Davide Sapienza, Sandro Sardella.

Chi era Claudio Galuzzi

“Galuzzi è un amico che le sue buone battaglie le accetta (direi, le cerca) giorno dopo giorno, combattendole non da solo ma con l’arma utilissima necessaria della scrittura, e insieme ad altri. Compagni, questi, nella stessa drammatica volontà e nella stessa convinzione di non lasciarsi omologare o addirittura cancellare come uomini liberamente operativi dal furibondo glaciale potere della comunicazione istituzionalizzata e onnivora. Altrimenti si è perduti.” (tratto dalla nota di Roberto Roversi all’interno della I edizione del libro “La Pianura Dentro”, pubblicato da Claudio Galuzzi nel 1993). Il volume è stato ripubblicato in una nuova edizione nel 2020 dalla casa editrice Edizioni Underground?

La prima proiezione

Per la prima in sala saranno presenti per il dibattito post proiezione, oltre al regista Gregory Fusaro, anche altri protagonisti. Mauro Ermanno Giovanardi, Antonio Bacciocchi, Giovanni Garancini, Lilith-Rita Oberti, Massimo Pirotta, Davide Sapienza, Sandro Sardella.

L’appuntamento è per il 07/06/2021 ore 20,30
Per prenotare inviare una e-mail a: [email protected]

L’attività del nostro Gregory Fusaro

Giovane ma molto attivo, Gregory Fusaro nel 2006 collabora con l’Archivio Cinematografico della Resistenza di Torino alle ricerche e alla realizzazione del catalogo Il cinema italiano 1959.
Nel maggio 2008 cura in qualità di Direttore Artistico la prima Rassegna Cinematografica Unitre Milano 2008. Fra il 2007 e il 2010 gira quattro cortometraggi, Attraversando il ponte, La mostra, Abitudini e Musica e (è) sogno (che si classifica secondo al concorso realizzato dal canale televisivo di Sky La3).
IN VIA SAVONA AL 57 segna l’esordio nel documentario, diretto insieme a Massimiliano Vergani. Nel 2014 dirige un videoclip musicale di Luca Pomì, Few lights.
SAPREM MORIRE E RISPETTAR LA VITA è il secondo lavoro diretto insieme a Vergani, prodotto dall’ANPI di Rho (MI) nel 2015. Sempre nel 2015 è tra i fondatori del collettivo Underground? di cui è direttore artistico.
Nel 2017 realizza il cortometraggio Accogli(Mi) con la produzione del collettivo Underground? di Milano.
Nel 2018 fonda insieme a Maurizio Mozzoni la casa editrice indipendente Edizioni Underground?
Nel 2020 termina i lavori del documentario SE IL CIELO È TRADITO, la storia di Claudio Galuzzi, la cui promozione è stata ritardata per via della pandemia Covid-19.

Gregory Fusaro
 
Seguimi su Facebook: clicca qui

Seguimi su You Tube: clicca qui
 
Segui Edizioni Underground? – clicca qui o visita il sito