Futuro e Libertà contro l’amministrazione comunale

Torna a farsi sentire il responsabile di Futuro e Libertà, Franco Paldino, che tuona contro il sindaco Umile Bisignano. In particolare, sono i metodi della maggioranza che non vanno proprio giù al rappresentante bisignanese di Fli: «Se le imbarazzanti mediocrità di questa maggioranza non fossero cosi evidenti alla popolazione, saremmo tentati di riconoscere che c’è della genialità nel cercare di sedurre i bisignanesi.

La suddetta amministrazione ha utilizzato lucette per tentare di sedurre i bisignanesi come si fa con gli uccelli, ma il fermo e la deturpazione del paese e dei suoi cittadini hanno rotto l’incanto, catapultando la cittadinanza in una reale osservazione della vergognosa amministrazione dell’intero paese» Paldino non risparmia il sindaco:«Le sue parole non seducano più, anzi evidenziano il grande imbroglio che la citta sta subendo, con i tentativi di mistificare una realtà che vede il comune di Bisignano sempre più fermo.

Questa è l’unica strategia politica conosciuta dal sindaco per cercare di prolungare il più possibile nella gente un’immagine buonista nella politica del niente». Il responsabile non ammette repliche:«Il sindaco pensa di imbrogliare la gente andando in giro a dire che finalmente dopo cinque anni è riuscito a superare il patto di stabilità. Non dice però che per quadrare i conti è stato venduto un bene del comune e quindi un bene di tutti i cittadini. Il sindaco non deve andare in giro a gettare fumo, tanto non comprerà mai un’ambulanza e non metterà mano al santuario, perché il suo compare gentile l’ha abbandonato».

Massimo Maneggio

1 commento

  1. Amare il proprio paese non è di destra o di sinistra è semplicemente giusto. Il Sindaco di Bisignano insieme a tutta la sua squadra amministrativa hanno dimostrato, nel corso del tempo, di non amare il luogo, nel quale si trovano a governare. In qualità di elettori bisignanesi siamo, probabilmente, responsabili di un errore storico-politico, il quale ha avuto come massimo rappresentante l’attuale Primo Cittadino in carica. Adesso, bisognerà guardare avanti e soprattutto in direzione di un’alternativa capace di cambiare il destino di una comunità robusta come, appunto, quella bisignanese. Contrariamente a quello che offre il messaggio “partitico” locale la scelta d’istituire una nuova classe dirigente a Bisignano è attualizzabile già dalle prossime elezioni, naturalmente, scegliendo di votare una lista comune alle esigenze popolari e senza distinzioni di classe. Riflessione!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here