Fumetti, a Lucca Comics torna American Feed, la serie firmata da due autori calabresi

239

af2_tav_21

Atmosfere pulp e di confine nel fumetto scritto da Francesco “Paul Izzo” Polizzo, sceneggiatore di Cosenza, e disegnato da Federico “Peteliko” Pugliese, originario di Vibo Valentia.

Una serie di episodi auto-conclusivi che mostrano cosa accade nelle vite degli esseri umani quando incontrano le loro più intime paure, impersonate da mostri quali vampiri, zombie, lupi mannari, insettoidi e persino alieni.
Questa l’idea alla base di American Feed, serie nata all’interno del collettivo Masnada dalla penna di Francesco “Paul Izzo” Polizzo e dalle matite di Federico “Peteliko” Pugliese, entrambi calabresi.

Il primo episodio della serie, dal titolo Tequila Sunrise, è ambientato in un tipico drugstore su una deserta highway statunitense, scenari resi celebri al cinema da pellicole divenute di culto, come Dal Tramonto all’Alba di Robert Rodriguez. Qui, il protagonista si imbatterà nel rituale di un antico culto e dovrà lottare per avere salva la pelle.

Nel secondo c capitolo, Cherry Bikini, la protagonista è una spogliarellista che si ritrova nel bel mezzo di un’apocalisse zombie.

American Feed nasce, come detto, nel collettivo Masnada, di cui Paul Izzo e Peteliko sono parte integrante, e sarà disponibile sia attraverso i canali della stessa etichetta indie, sia nell’imminente Lucca Comics & Games, dal 28 ottobre al 1 novembre, presso lo stand Masnada.

Oltre alle avventure narrate in American Feed, alla kermesse lucchese Masnada proporrà tutte le altre produzioni come l’antologico gliAngoli, che nel suo primo numero affronta il tema del viaggio in auto con sconosciuti; Cartoonist in the Box (di zio-p e Alex Agni), considerato dagli addetti ai lavori una versione a fumetti del celebre Misery non deve morire; My Little Antichrist (di Cristiano Brignola, fresco finalista del premio Solinas, e Alex Agni), le grottesche avventure del figlio di Satana; Zakk Void (di Marco Orlando e Pitt Rotelli), una serie fantascientifica a forti tinte noir e Marco Travaglio Zombi (di Stefano Rapone), una surreale satira sul giornalismo italiano.