Francesco Fucile: «Il Comune è virtuoso solo nei proclami, non nei fatti»