Emergenza rifiuti, il sindaco disperato chiama il prefetto

Letture: 2134

A Castrovillari resta l’emergenza rifiuti. Impossibile conferire nella discarica di Rossano, nonostante l’ordinanza commissariale. Dopo l’ennesimo viaggio a vuoto degli autocompattatori a cui non è stato consentito di scaricare, il sindaco Domenico Lo Polito ha chiesto l’intervento del prefetto di Cosenza, Cannizzaro.  “La città – scrive il sindaco –  sta vivendo una  grave emergenza sanitaria ed ambientale nonostante il comune stia cercando  di garantire , con costi superiori, lo smaltimento di alcune frazioni, quali l’umido , in impianti privati il cui costo è triplicato rispetto ai pubblici. Oggi , poi stante l’ennesimo inutile viaggio all’impianto di Rossano , ove il Comune di Castrovillari è autorizzato e tenuto a conferire l’indifferenziato per ordinanza del Commissario Regionale , la misura è colma. Stante l’impossibilità di interloquire con il Commissario Regionale e considerato che non è più possibile garantire i servizi essenziali – sottolinea Lo Polito –  quali il ritiro dei rifiuti presso ospedale , scuole  e istituto penitenziario, si chiede  un Suo autorevole ed immediato intervento per le ripercussioni che tale situazione può avere per l’igiene , la salute e l’ ordine pubblico. A tal proposito – conclude la lettera al prefetto –  chiediamo  di intervenire presso il Commissario per l’emergenza rifiuti regionale affinchè consenta , nell’immediato , di conferire la frazione indifferenziata , anche per un solo giorno , presso la vicina discarica di Cassano allo Jonio, ovvero presso la stazione di trasferenza di Villapiana , al fine di svuotare i mezzi della ditta che gestisce il servizio e consentire alla stessa di procedere alla raccolta degli ingenti quantitativi di rifiuti accumulati in città.”

Fonte: Gazzetta del Sud