Due artisti Bisignanesi vincono il premio internazionale di pittura “Il Fuoco dell’Arte”

raMa Due artisti Bisignanesi vincono il premio internazionale di pittura "Il Fuoco dell'Arte"

I giovani bisignanesi Carmelo Rago e Francesca Marini sono i vincitori della seconda edizione de Il Fuoco dell’Arte, premio internazionale di pittura e scultura. Il concorso è stato promosso dall’UNICAL – Università della Calabria, dalla provincia di Cosenza e dalla BCC Mediocrati.

Le opere del duo RaMa, saranno ospitate  dal 10 al 20 Ottobre al Museo Civico d’Arte contemporanea “Silvio Vigliaturo” di Acri. (MACA).

I giovani artisti bisignanesi, non sono nuovi ad esperienze originali, ma questa volta la proposta può essere letta come un’operazione archeologica della modernità. La mostra “project “lid for a submerged world” ovvero “progettocoperchio per un mondo sommerso”, ha al centro del loro lavoro il tombino – o pozzetto, o chiusino –, inteso come elemento di arredo urbano capace di esibire le tracce delle propria origine, diventando inquesto modoil segno distintivo dell’area geografica di appartenenza e di un particolareperiodostorico – basti pensare ai numerosi fasci littori ancora impressi sopra i tombini di alcune città italiane.
Attraverso la tecnica – afferma Boris Brollo uno dei curatori della mostra – della stampa xilografica a cucchiaio, gli artisti si propongono come archeologi capaci di rilevare le impronte, i segni e le tracce storiche, che l’umanità ha lasciato di sé sui pozzetti. Non va inoltre dimenticato che il tombino richiama fortemente la categoria della “soglia” che il filosofo Walter Benjamin definiva come « il territorio della conoscibilità » – conoscibilità intesa come conoscenza del passato attraverso i luoghi del presente, una conoscenza che è anche una sorta di introspezione.
Il pozzetto, infatti, separa ed unisce due mondi: quello della superficie e quello dell’apparato biologico della società, celato nel sottosuolo, consentendo l’interscambio vitale tra la prima e le sue viscere. Sotto di esso scorrono nascoste le acque, le fogne, le tubature del gas; rimangono occultati i cavi elettrici, le fibre ottiche, i serbatoi di benzina; in definitiva tutto ciò che consente la sopravvivenza tecnologica e materiale della civiltà moderna. Sono sistemi digestivi, nervosi, circolatori e linfatici che consentono lo svolgimento regolare e quotidiano della vita in superficie di migliaia di persone
“.

Il MACA – Museo d’Arte Contemporanea di Acri ospita le opere del duo di artisti RaMa – composto da Federica Marini e Carmelo Rago –, vincitore de Il Fuoco dell’Arte, premio internazionale di pittura e scultura promosso dall’Associazione cultulturale PUL.
Piazza Giovanni Falcone 1 (87041)
info@museovigliaturo.it 
www.museovigliaturo.it 

orario: ore 9/13 – 16/20 chiuso il lunedì
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 10 ottobre 2009. ore 17
curatori: Boris Brollo, Massimo Garofalo, Andrea Rodi, Valerio Vigliaturo
autori: Federica Marini, Carmelo Rago
patrocini: UNICAL – Università della Calabria; BCC Mediocrati
genere: arte contemporanea, performance – happening, giovane arte, personale, arti decorative e industriali

RaMa2 Due artisti Bisignanesi vincono il premio internazionale di pittura "Il Fuoco dell'Arte"

Dm Web di De Marco Fabrizio

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here