Differenziata, il boom di Luzzi

LUZZI La riscossa del sindaco Manfredo Tedesco. Era stato criticato da molti per il suo progetto di “rivoluzionare” la raccolta differenziata, ma i fatti danno ragione al primo cittadino, che suddivide i meriti con i cittadini luzzesi. Per il paese della valle Crati le soddisfazioni in materia ambientale arrivano giorno dopo giorno, con una sorta di lezione anche ai vicini di casa bisignanesi, che vogliono costruire una piattaforma tecnologica per arginare il problema. A Luzzi, invece, con la collaborazione di tutti la differenziata è diventata una scelta azzeccata: «Credevamo e crediamo che il nostro progetto di raccolta differenziata potesse funzionare – afferma con orgoglio il sindaco di Luzzi – e i fatti ci hanno dato ragione. Si tratta di un progetto detto a “rifiuti zero”: il nostro Comune è impegnato sei giorni su sette nel recarsi, porta a porta, presso gran parte dei nuclei familiari (circa 2.800 famiglie) e raccogliere una frazione di rifiuti, finanche quella indifferenziata. In tal modo, ed è sotto gli occhi di tutti, la nostra cittadina è, una delle poche della Provincia di Cosenza, priva di cassonetti dei rifiuti, men che meno si vedono per strada cumuli di spazzatura, come invece accade in zone limitrofe e nonostante le perseveranti chiusure delle discariche». Luzzi, in questo modo, diventa un vero comune virtuoso per Tedesco: «I fatti ci dicono che dopo circa un mese di raccolta differenziata, i cittadini luzzesi hanno tagliato il traguardo del 70% circa di raccolta differenziata, ben superando la percentuale di partenza che era del 10% circa». Il sindaco non manca di sottolineare l’importanza del traguardo raggiunto, raro per un comune di 10mila abitanti e dislocato in maniera estesa. Come un buon mister, Tedesco sa che dovrà spronare ancora il suo team fatto da tanti laboriosi cittadini: «Possiamo e dobbiamo continuare così, perché questa è la retta strada dell’igiene urbana e del viver civile. Ringraziare i miei concittadini per l’entusiasmo con cui hanno raccolto il servizio di raccolta differenziata offerto dal Comune. Mi allieta costatare la “battaglia di civiltà” che vedo intrapresa sui social network oltre che tramite segnalazioni di comuni Cittadini, qualora si avvedano di scellerati abbandoni incontrollati di rifiuti per strada. Saranno sempre più rari, ne sono sicuro, se continueremo uniti il nostro percorso, perché con questa straordinaria sinergia fra Municipio e cittadinanza potremo, in futuro, prossimo raggiungere anche percentuali prossime al 100% di raccolta differenziata – la speranza finale – con riverberi positivi per le finanze comunali e, quindi, verso una riduzione delle tasse rifiuti per la stessa cittadinanza».

Massimo Maneggio

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here