Da oggi stop all’obbligo mascherine all’aperto. Il ritorno alla normalità sembra cominciato

Letture: 2400

Da oggi finisce l’obbligo di utilizzare le mascherine all’aperto. Entra in vigore la nuova ordinanza firmata dal ministro della Salute Roberto Speranza.
Mascherine

Da oggi non è più obbligatorio indossare il dispositivo di protezione all’aperto e tra le novità riaprono le discoteche: 50% di capienza al chiuso e super green pass. L’Italia vede il traguardo della riapertura del paese, che da qui alla fine di marzo, quando scadrà lo stato di emergenza, porterà ad un allentamento di tutte le altre restrizioni compreso il green pass.

Rimane, comunque, l’obbligo fino al 31 marzo di indossare le mascherine nei luoghi al chiuso diversi dalle abitazioni private. E’ anche obbligatorio avere la mascherina sempre con sé all’aperto, indossandola in caso di assembramento o passaggio in zone molto affollate. Resta obbligatorio l’utilizzo delle mascherine ffp2 sui mezzi pubblici, nei teatri, musei, negli stadi e nei casi di auto sorveglianza per contatti stretti con positivi.

“Fino al 31 marzo 2022 è fatto obbligo sull’intero territorio nazionale – si legge nell’ordinanza – di indossare i dispositivi di protezione delle vie respiratorie nei luoghi al chiuso diversi dalle abitazioni private. Fermo restando quanto diversamente previsto da specifiche norme di legge o da appositi protocolli sanitari o linee guida, nei luoghi all’aperto è fatto obbligo sull’intero territorio nazionale di avere sempre con se’ i dispositivi di protezione delle vie respiratorie e di indossarli laddove si configurino assembramenti o affollamenti”. Leggi il: testo integrale dell’ordinanza del Ministero della Salute.

Allentamento restrizioni covid, le prossime date

Da oggi 11 Febbraio cambiano quindi le norme sull’utilizzo della mascherina in tutta Italia. In zona gialla, arancione e rossa, all’aperto, si può non indossare la mascherina, a meno che non ci si trovi in situazioni di assembramento. Ma vediamo le altre date che si preannunciano importanti.

Secondo la “road map” annunciata dal presidente del Consiglio Mario Draghi il 31 marzo, quando scadrà lo stato d’emergenza, l’orientamento del governo è quello di non prorogarlo, soprattutto se si confermerà il calo dei contagi e dei ricoveri. Mentre il 15 giugno finirà l’obbligo di vaccinazione per gli over 50. Il 31 marzo tra l’altro, come indicato dall’ultima ordinanza del ministro Speranza, potrebbe essere anche la data in cui diremo addio anche alle mascherine al chiuso. Il ritorno alla normalità, seppur lento, sembra cominciato.

Green Pass illimitato

Dal 7 Febbraio scorso novità anche a riguardo al Green Pass, la certificazione verde Covid rilasciata dopo la terza dose, ha un’efficacia illimitata, quindi senza necessità di nuove vaccinazioni. Il regime di chi si è sottoposto alla terza dose è equiparato a coloro che sono guariti dal Covid dopo il completamento del ciclo vaccinale primario. Ma sul green pass, in ogni caso, la discussione nel governo resta aperta.