Csa ad Occhiuto: Tirocinanti non sono ombre

Letture: 2322

Csa inoltra una missiva a Roberto Occhiuto, i tirocinanti attendono risposte ormai da anni

Caro Presidente, ci accingiamo a concludere questo anno 2022, e come siamo soliti fare, tracciamo le linee di questo anno in chiusura e i propositi del nuovo 2023.

Tanti e tanti sono stati gli accadimenti storici, sociali, sanitari di questo anno, ci lasciamo alle spalle 2/3 anni di pandemia che hanno irrimediabilmente sconvolto e modificato le nostre  vite nel personale, negli affetti,  nel sociale e nelle finanze. La crisi di Governo che ha investito il Paese e il totale e repentino cambio di rotta. Siamo stati e, purtroppo lo siamo ancora, spettatori di una guerra fuori dai nostri confini ma sentita molto vicina, anche per gli effetti sulla nostra già provata economia.

Eventi che sicuramente ritroveremo nei libri di storia dei prossimi anni…

Ma c’è un qualcosa che nel tempo non si è modificato, una costante: i Tirocinanti, anche questo argomento occuperà capitoli delle generazioni future, si narrerà del  “decennio buio”!  4500 persone “ombre”, illuminati dal lavoro svolto negli Enti, ma nel buio dei propri diritti e dignità.

Nelle  scorse elezioni, abbiamo ritrovato in Lei un buon alleato un vero Paladino per la vertenza della categoria: ha portato un incremento di 200€ sull’indennità mensile, ha fatto si che una parte dei Tirocinanti Ministeriali ricevessero promessa di contratto a tempo determinato, e la restante parte, quella più numerosa, a scadenza di contratto e in concomitanza della crisi di Governo si è vista rinnovare di un ulteriore anno l’attività di tirocinio, permettendo ai più di tirare un sospiro di sollievo.

Caro Presidente, abbiamo riassunto le tappe salienti del 2022, sicuramente molto si è fatto, ma la strada è ancora lunga, è giunto il momento della svolta, auspichiamo che nel 2023 si possano concretizzare quelle azioni intraprese e per motivi contingenti al cambio di Governo interrotte, che restituiscano la “luce” a questi lavoratori, e  delineare così il percorso per una definitiva collocazione dei Tirocinanti.

Continuiamo a confidare nelle Sue capacità e senso di responsabilità verso ogni cittadino calabrese, certi del fatto che metterà in campo ogni azione volta alla risoluzione di queste triste e storica vicenda!

Buon Natale