Crisi: 263 mln per 257 enti locali calabresi

Letture: 1437
R&B Sport

chiuso-per-fallimento

Boccata d’ossigeno per le imprese calabresi, almeno si spera. Secondo quanto stabilito dal decreto “Casa” del 31 Luglio scorso, 257 Enti locali della Calabria, potranno ricevere ben 263 milioni di euro.

Le risorse verranno messe a disposizione dalla Cassa Depositi e Prestiti proprio perché la Pubblica Amministrazione ottemperi al pagamento de debiti nei cnfronti delle imprese. I diversi Enti, dovranno resentare domanda per ottenere i fondi necessari entro il 10 Ottobre. Sono rimasti due giorni di tempo per presentare la richiesta per via telematica.

“E’ una occasione – ha dichiarato il Presidente dei Costruttori calabresi Francesco Cava – per ridare ossigeno al sistema delle imprese e per rilanciare gli investimenti. In un momento così difficile per l’economia calabrese e per il settore dell’edilizia in particolare, il poter riscuotere nel brevissimo termine crediti che da lunghissimo tempo erano bloccati non può che essere di vitale importanza per il rilancio delle attività economiche”.

Il pagamento dei crediti, non influirà sui tetti di spesa previsti dal Patto di stabilità, quindi le amministrazioni potranno far fronte a queste spese senza pensieri. Anche per questo motivo non cogliere l’occasione potrebbe veramente essere un enorme spreco, soprattutto se si considera che tali risorse risultano essenziali, forse anche vitali in certi casi, nell’attesa che, attraverso il Programma Operativo di coesione, vengano attivate le misure sulla liquidità delle imprese in Calabria.

“Attenderemo con fiducia – ha concluso Cava – la data del 10 Ottobre per poter valutare e verificare quante risorse sarà stato possibile attivare e quali impatti potranno avere sul nostro sistema economico”.

Fonte: Strill.it