Cosenza vince Coppa Italia Lega Pro, inizia la festa in città

Letture: 1933

festegg2

Per la prima volta una squadra calabrese alza al cielo la Coppa Italia di Lega Pro. Allo stadio San Vito di Cosenza, i calabresi si sono imposti sul Como per 1-0 che sommato all’1-4 della partita di andata fa alzare al Cosenza questo prestigioso trofeo.

Particolarmente contenta la società rossoblù, riuscita a portare allo stadio circa 10.000 spettatori che hanno dato vita ad una splendida coreografia sulla Curva Sud “D. Bergamini”, dando spettacolo per tutto il corso della partita, trasmessa in diretta su Rai Sport 2.

roselli“Il nostro obiettivo primario era la salvezza che è arrivata in largo anticipo. Questa sera è arrivata la ciliegina sulla torta – commenta mister Roselli ai microfoni di Rai Sport 2- “Siamo felici per l’ entusiasmo che stiamo regalando a Cosenza e spero sia l’inizio di un nuovo Cosenza calcio che magari in futuro sarà in una categoria superiore”.

Così, sulle note di “Lupi alè”, il capitano De Angelis fa il giro dello stadio San Vito con la coppa italia in mano, per farla ammirare ai sostenitori cosentini arrivati da tutta la provincia.

Esprime molta soddisfazione anche il presidente Guarascio:”Non immaginavo di vivere una gioia cosi grande. Sono contento per la squadra e sopratutto per il pubblico”.

Al termine dell’incontro è iniziata subito la festa nella città silana, presso l’Arenella a Cosenza Vecchia, con la venuta della squadra che porterà con sè la coppa, e durante la festa ci sarà il concerto degli stratosferici “Sabatum Quartet”.

IL CAMMINO DEL COSENZA
Catanzaro-Cosenza 1-3
Cosenza-Reggina 4-2 dcr
Cosenza-Salernitana 1-0
Juve Stabia-Cosenza 0-1
Cosenza-Pontedera 1-0
Pontedera-Cosenza 1-1
Finali: Como-Cosenza 1-4; Cosenza-Como 1-0

COSENZA – COMO: Le formazioni scese in campo:

COSENZA (4-4-2): Saracco; Corsi, Tedeschi, Carrieri, Ciancio; Criaco, Arrigoni, Caccetta, Statella; De Angelis, Cesca. A disposizione: Ravaglia, Blondett, Magli, Zanini, Tortolano, Calderini, Cori. All. Roselli.

COMO (4-3-3): Falcone; Ambrosini, Lebran, Giosa, Fautario; Fietta, Berardocco, Castiglia; Rolando, De Sousa, Ganz. A disposizione: Crispino, Marchi, Cristiani, Maritato, Le Noci, Casoli, Defendi. All. Sabatini.

Marcatore: Ciancio al 33′ pt.
Arbitro: Di Ruberto di Nocera Inferiore.

Foto da: Rai Sport