Cosenza: Nuovi presidi provenienti da Bisignano, al “Fermi” e al “Della Valle”

enrfermi-300x225 Cosenza: Nuovi presidi provenienti da Bisignano, al "Fermi" e al "Della Valle"

Era un Istituto ambito. Dirigerlo sarà per lei un onore, ma l’esperienza maturata al Liceo Iis “Siciliano” di Bisignano non le farà certo pesare l’incarico. Michelina Bilotta dal prossimo anno scolastico assumerà il ruolo di preside dello Scientifico Fermi, tra i più quotati in città. Prende il posto di Pasquale De Vita, collocato in pensione. Nell’ambito delle mobilità regionali per quanto riguarda la ruotazione dei dirigenti scolastici, alla guida del Fermi aspiravano in molti.

A spuntarla è stata la Bilotta, insegnante preparata e lungimirante. Porterà sicuramente nuove idee, ma la classe docente di quella scuola spera che si prosegua nella scia tracciata dal suo predecessore, il cui lavoro è stato molto apprezzato dai collaboratori dell’ex preside. De Vita, infatti, lascia un vuoto, che la Bilotta saprà sicuramente colmare. Come la sua collega Loredana Giannicola, proveniente dal Circolo didattico Sant’Umile sempre di Bisignano, trasferita anche lei nel capoluogo bruzio chiamata a “governare” un altro prestigioso Liceo, il “Della Valle” di piazza Amendola, fino a poche settimane fa egregiamente coordinato da Gilda De Caro, conosciutissima negli ambienti scolastici cittadini per avere introdotto, nell’Istituto, l’indirizzo musicale. S’è battuta con le unghie perchè venisse accolta la proposta, riuscendo nella difficile impresa.

Tanto De Vita quanto la De Caro hanno rappresentato la categoria al meglio, cambiando radicalmente il modo di intendere la scuola. Il Fermi e il Della Valle, infatti, si sono incamminati insieme verso l’adozione di progetti innovativi, coinvolgendo alunni e docenti negli scambi culturali con Istituti europei. L’apprendimento delle lingue è stato collocato al primo posto, allo stesso modo delle conoscenze tecnologiche, senza snaturare le finalità didattiche delle rispettive scuole. Una eredità pesante, insomma, per la Bilotta e la Giannicola, rimaste a Bisignano per quattro anni, dove hanno lasciato, anche loro, un buon ricordo. A Cosenza arriva anche Margherita Marletta. Siederà sulla sedia più prestigiosa del Settimo Circolo, dopo avere vestito i panni di dirigente scolastico al Comprensivo “Gentili” di Paola. Nel capoluogo si trasferisce pure Giuseppe Gialdino, preside all’Iis “Nilo” di Rossano. Per restare nell’immediata periferia bruzia, Mariarosa De Rose resta al Comprensivo di Rogliano, mentre al Comprensivo di Dipignano, via Cetraro, arriva Pasqualina Mocciaro. All’Ipsia di Acri, invece, è stato trasferito Giuseppe Giudice, che ha diretto l’Itcg “Fermi” di San Marco Argentano. Mario Ambrogio, infine, “vola” a Rovito, abbandonando la direzione del Comprensivo di Parenti.

Salvatore Summaria
su: Gazzetta del Sud

1 commento

  1. http://www.corriere.it/cronache/11_agosto_02/benvenuti-al-sud-con-cento-e-lode-roger-abravanel_fbb6f542-bcc6-11e0-b530-d2ad6f731cf9.shtml
    Corriere della sera.it
    LE DUE ITALIE DELLA MATURITÀ: PIÙ RIGORE AL NORD, I VOTI MASSIMI SONO LA METÀ
    Benvenuti al Sud (con 100 e lode)
    Il record di nuovo in Calabria dove un liceo
    ha ben venti studenti con il massimo dei voti

    Da alcune indiscrezioni sembra che i risultati degli ultimi esami di maturità rivelino un dato disarmante: al Sud i 100 e lode continuano ad essere il doppio che al Nord, la Calabria continua a battere ogni record con un liceo che ha venti 100 e lode mentre i migliori licei del Nord e del Centro ne hanno uno o due. La consolazione è che si tratta di un liceo diverso da quello dell’anno scorso (il quale sembra avere «migliorato»: da 23 è sceso a 17).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here