Cosenza, il Movimento 5 Stelle il primo partito in città, storico schiaffo alle famiglie della partitocrazia che governa la città dei bruzi

Letture: 2103

Beppe-Grillo-1

Per la prima volta nella storia della città di Cosenza un movimento che non promuove il voto di scambio, che non gestisce la sanità, che non inaugura centri sanitari e che non assume i propri parenti nelle società in house della Regione, diviene il primo partito della città. Il Movimento 5 stelle di Beppe Grillo con il suo risultato nella città dei Bruzi segna un momento storico. La fine dei personaggi che attraverso il voto di scambio hanno costruito fortune economiche e familiari e carriere politiche decennali. Ovviamente tutti diranno che hanno vinto. E soprattutto il Pdl ed i big del Pdl cosentino.

Ma resta il fatto che a Cosenza il voto di protesta contro i partiti materializzatosi con la stravolgente vittoria di Beppe Grillo ha testimoniato come i cosentini siano stanchi di determinati personaggi e determinati partiti. Poi il gioco delle elezioni, le combinazioni fortuite ed i risulati delle altre province hanno consentito al Pdl di vincere al Senato ed hanno consentito allo stesso Pdl di poter dire di aver vinto. L’unica famiglia che non è riuscita nel disegno prefissata è quella dei Trematerra con la mancata elezione di Michele Trematerra al Senato, ma non vi è nulla da piangere. Michele Trematerra rimarrà tranquillamente al suo posto di assessore regionale all’agricoltura e suo padre, Gino Trematerra, segretario regionale dell’Udc, partito praticamente cancellato dalla geografia politica nazionale, potrà dire che in Calabria l’Udc con il suo 4% preso alla Camera, nonostante tutto il potere e tutte le poltrone gestite dal partito, ha ottenuto un grande e clamoroso successo.

Fonte: Elezionicalabria2013.it
Segnalato da: Alberto De Luca per Bisignanoinrete