Confcooperative: Indagine Congiunturiale I quadrimestre 2012

L’Area Studi di Confcooperative  ha elaborato i dati relativi alla situazione nel primo quadrimestre 2012.

La finalità è quella di sostenere un’attività di studio e ricerca costante, capace di cogliere ed interpretare le dinamiche del sistema imprenditoriale cooperativo, aderente a Confcooperative. Fornire in tempi reali una lettura delle dinamiche economiche e sociali della nostra economia, presentare una disamina puntuale dello stato dell’economia cooperativa e del contesto generale, secondo una prospettiva settoriale, territoriale e dimensionale.

Il quadro complessivo che emerge, consente alla nostra Associazione ed alle istituzioni che operano sul territorio, di monitorare il complesso sistema economico e sociale, al fine di pianificare interventi per lo sviluppo calati sulle reali esigenze delle nostre cooperative e dei nostri cooperatori.

 

La situazione nel primo quadrimestre 2012

Tiene il fatturato ed il 13% delle cooperative di media e grande dimensione aumenterà la forza lavoro, segno che la propensione a generare nuova occupazione rimane una prerogativa delle associate di Confcooperative.

Le criticità emergono invece soprattutto dal versante del credito: quasi 7 cooperative su 10 lamentano ritardi dei pagamenti. Le difficoltà di accesso al credito, sono maggiormente sentite per le micro e piccole cooperative delle regioni del Meridione.

Nei primi quattro mesi dell’anno , il 52,3% dei cooperatori che si sono rivolti agli Istituti di credito per un prestito, hanno segnalato allungamento di tempi.

Il 77,3% ha registrato un aumento dei tassi di interesse; il 47,7% ha lamentato un appesantimento delle garanzie richieste.

A risentire dei ritardi dei pagamenti sono anche le cooperative, e questo si riflette sul livello di liquidità rispetto a quelle che sono le esigenze operative.

In particolare, il livello di liquidità rispetto alle esigenze operative, è ritenuto buono solo dal 31% degli intervistati; il restante 69% esprime invece giudizi negativi che vanno dal mediocre (38%) al cattivo (31%).

grafico-300x179 Confcooperative: Indagine Congiunturiale I quadrimestre 2012

Sul versante del mercato occupazionale, il sistema cooperativo sembra tenere: per oltre il 70% degli intervistati, la dinamica occupazione è stazionaria; in diminuzione nel 22,3% dei casi; in aumento solo per il 7,4%.

grafico2-300x179 Confcooperative: Indagine Congiunturiale I quadrimestre 2012

Le previsioni per i prossimi 4/5 mesi

Il 52,5% degli intervistati prospetta un peggioramento del quadro macroeconomico nel breve periodo; il 41,5% non prevede variazioni e solo il 6% degli intervistati ha fiducia nella ripresa dell’economia.

grarfico3-300x156 Confcooperative: Indagine Congiunturiale I quadrimestre 2012

A livello territoriale, tra i cooperatori del Mezzogiorno, la fiducia sembra svanita completamente: il 59,2% dei nostri cooperatori, infatti, non intravede alcun miglioramento dell’economia nel breve periodo; addirittura invece, per il 40,8% degli intervistati prevede un peggioramento della situazione macroeconomica generale.

Crotone lì, 13.06.2012

Santo VAZZANO
Confcooperative Calabria

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here