Comune e Regione firmano l’accordo per la piattaforma rifiuti. La minoranza s’indigna

Letture: 1968

Il consiglio comunale ha approvato il nuovo schema di Convenzione, riveduto e corretto, da stipulare con la Regione Calabria per la costruzione della Piattaforma Tecnologica per il riciclaggio dei rifiuti. Ad intervenire e contrastare la scelta dei consiglieri di maggioranza, è Roberto Cairo del gruppo “Alleanza Democratica”: “E’ una catastrofe, ci opporremo in ogni sede e con ogni mezzo”. Secondo Cairo, il Comune ha commesso un atto “antidemocratico ed inusuale, mentre noi discutevamo del problema in seno alla IV commissione regionale, che è quella deputata all’ambiente, in un altro ufficio, l’assessore ed il suo funzionario firmavano la convenzione col sindaco Bisignano. Si è agito al di sopra delle teste dei cittadini bisignanesi e della stessa commissione ambiente”. Da qui l’impegno di Cairo, “A questo inciuccio risponderemo con forza, in difesa della città e dei paesi limitrofi, perchè con 180mila tonnellate di rifiuti annui, il problema non interessa solo la città di Bisignano”.

Durante il consiglio comunale, il Sindaco Umile Bisignano aveva definito l’eventuale realizzazione del Centro di riciclaggio dei rifiuti nel territorio comunale, come un’occasione unica e preziosa per il futuro, citando il caso di La Spezia, dove un impianto come quello che dovrebbe sorgere nel territorio di Bisignano, ha risolto, in via definitiva, il problema rifiuti facendo diventare questi ultimi una vera risorsa.

Inoltre, il Sindaco, precisa rivolgendosi ai gruppi di opposizione: “Ancora nulla è stato realizzato, siamo solo ai primi passi. Dobbiamo quindi, guardare solo al futuro. Insieme dobbiamo vigilare affinchè tutto venga realizzato secondo le caratteristiche tecniche concordate. Non interessa nemmeno all’amministrazione e tanto meno alla città un impianto inquinante”.