Catanzaro, dopo l’alluvione la città ancora senza acqua

Letture: 1342

alluvione-catanzaro

Piu’ gravi del previsto i danni provocati dall’alluvione – informa un comunicato del Comune di Catanzaro – all’impianto idrico di Santa Domenica, che serve gran parte della citta’. Non e’ bastato riparare, in condizioni di estrema difficolta’, il tratto di condotta alimentatrice che porta l’acqua dal fiume Alli alle vasche di accumulo. I tecnici della Sorical, concluse le operazioni di saldatura dei tubi (operazione che ha comportato anche la deviazione del letto del fiume), hanno provato a ”lanciare” l’acqua verso l’impianto di potabilizzazione, ma senza successo. Evidentemente, una seconda rottura si e’ verificata lungo una condotta che per ben dodici chilometri e’ posizionata nell’alveo del fiume. Si continua a lavorare con difficolta’ per individuare il tratto danneggiato. Il responsabile di zona della Sorical, geom. Tommaso La Porta, ha informato il sindaco Abramo della gravita’ della situazione, anche se non si dispera di rimettere in funzione il Santa Domenica gia’ nella giornata di domani. E’ scattato un nuovo piano di emergenza che prevede, intanto, l’effettuazione di una manovra che consentira’ nella tarda mattinata di erogare acqua nel centro storico.

In particolare, l’acqua dell’acquedotto silano del Guerriccio sara’ dirottata ai serbatoi di Madonna dei Cieli e Stretto Cappuccini, permettendo cosi’ di arrivare ai rubinetti del centro. L’ospedale ”Pugliese” sara’ rifornito costantemente da due autobotti della Protezione Civile, mentre altre 10 autobotti preleveranno acqua dal Corace e si muoveranno lungo il territorio per fronteggiare le criticita’. Il sindaco Abramo, che in queste ore sta premendo sul Governo per ottenere il riconoscimento dello stato di calamita’ naturale, ha espresso grande preoccupazione per lo stato della condotta del Santa Domenica, impianto come e’ noto gestito dalla Sorical. Il sindaco chiedera’ alla Regione e alla stessa Sorical un piano straordinario per realizzare una nuova condotta che possa sopportare senza danni anche le alluvioni piu’ violente.

Fonte: Meteoweb.eu