Catanzaro, coniugi uccisi in agguato

VALLEFIORITA – Agguato di ‘ndrangheta. Marito e moglie sono stati uccisi ieri sera a Vallefiorita, un centro in provincia di Catanzaro. Le vittime sono Giuseppe Bruno, capoclan di 39 anni, e Caterina Raimondi, di 29. I due sono stati freddati davanti all’abitazione e sono stati raggiunti da oltre 30 colpi di kalashnikov. Bruno e’ stato raggiunto al torace, mentre la moglie e’ stata colpita al volto ed i proiettili l’hanno completamente sfigurata. Marito e moglie stavano salendo a bordo della loro automobile, quando almeno una persona si e’ avvicinata ed ha iniziato a sparare. Entrambi i coniugi sono morti all’istante.

La coppia era sposata da diversi anni, ma non aveva figli. Bruno, che era noto alle forze dell’ordine, era proprietario di un’agenzia di viaggi e gestiva un bar. Caterina Raimondi, invece, gestiva un negozio per la vendita di detersivi. Il fratello di Giuseppe Bruno era stato ucciso lo scorso anno in un agguato.

Secondo l’ipotesi che i militari dell’Arma considerano più attendibile, Bruno, avrebbe tentato di espandere il proprio potere anche fuori dal paese, scontrandosi con altre cosche. Da qui la decisione di ucciderlo, mettendo in piedi un agguato in pieno stile mafioso.

Dopo l’omicidio i carabinieri hanno subito sentito numerose persone, tra cui amici e familiari delle due vittime. Gli investigatori stanno cercando di ricostruire gli ultimi spostamenti della coppia prima dell’agguato.

Fonte notizia: dal web

Dm Web di De Marco Fabrizio

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here