Calabria, il lavoro non c’è ma si può creare

I dati Eurostat e Istat lo attestano implacabilmente con puntigliosità disarmante ed aggravando il nostro stato d’animo, siamo gli ultimi, in tutto o quasi.
Che, in chissà quale tempo e luogo, gli ultimi saranno i primi non ci consola per nulla e forse mai come quest’anno il primo maggio è più amaro di sempre.
Ma siamo i primi in disoccupazione, quella giovanile, quella più odiosa che ci toglie il respiro che tarpa le ali all’avvenire.
Lo sappiamo bene e ne portiamo i segni sulla nostra pelle, la mancanza di lavoro toglie la dignità di uomini e donne libere ma anche la speranza ed il futuro.

I giovani li abbiamo persi o li stiamo perdendo, sempre più.
E allora che facciamo?
Continuiamo ad alienarci nelle analisi, in quello che non è stato e in ciò che dovrebbe essere?
Ripetiamo la solita litania contro la politica ed i politici tutti inetti ed incapaci?
Diamo spazio e sfogo all’antipolitica imperante che annienta ciò che di buono comunque è stato realizzato?
Lo spazio delle parole, seppur infinito, nella nostra realtà Calabrese sembra ormai trovare un argine nell’inconsistenza delle innumerevoli analisi e teorie, l’unica parola che deve risuonare in ogni dove è solo una: lavoro.
È  chiesto l’urgente ricorso alla concretezza con atti immediati che incidano nella realtà ed accompagnate dalla consapevolezza che ogni delega in bianco è una personale assunzione di responsabilità e colpa.
Azioni da compiere da parte di tutti, indistintamente, ed ognuno secondo le proprie possibilità, competenze e ruoli per non essere ancora complici di una disfatta senza fine.
Non ne usciremo, nè noi, né i nostri giovani senza l’aver effettuato una decisa virata ai quotidiani comportamenti che dovrà comportare anche una rivoluzione culturale.
Rimbocchiamoci le maniche, diamo e pretendiamo responsabilità ad ogni livello istituzionale e politico.

Quanto fatto fino ad ora non basta più o non serve, la pubblica amministrazione non può più essere valutata sulla base dei servizi generici che fornisce ai cittadini, i Comuni non possono continuare ad essere considerati virtuosi sol perché puliscono e illuminano le strade o perché accompagnano i bambini a scuola.
L’azione sinergica di Enti diversi e Comuni che per territori ed aree omogenee propongono progetti di sviluppo, deve diventare una priorità assoluta che Regione, Province e Governo devono incentivare e stimolare.
Oggi è necessario un salto di qualità nelle diverse competenze, tutti devono impegnarsi quasi esclusivamente in un’unica direzione, produrre ricchezza, promuovere sviluppo, favorire occupazione e lavoro.
Va in questa direzione l’impegno continuo, instancabile e proficuo del Consigliere Regionale Orlandino Greco e dell’intero Movimento dell’Italia del Meridione.
Disegni di legge sono stati presentati da tempo e attendono solo l’approvazione dell’intero Consiglio per poter poi incidere in modo innovativo su territori ricchi di bellezze, possibilità e potenzialità.

Favorire l’export, incentivare il turismo sportivo, valorizzare i borghi storici ed i paesaggi, promuovere la dieta mediterranea,  incoraggiare l’associazionismo,  sono solo alcune delle iniziative proposte che daranno un volto nuovo alla nostra terra.

Ecco, la prima responsabilità è richiesta, oltre ogni schieramento, ai Consiglieri Regionali della Calabria, approvate questi provvedimenti, faranno un’altra Calabria e daranno un futuro di lavoro.

Raffaele Papa
Coord. Prov. Cs IdM
30 aprile 2017

Dm Web di De Marco Fabrizio

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here