Bollettini ingannevoli alle imprese, la Camera di Commercio mette in guardia

305

Alcune imprese stanno ricevendo bollettini postali precompilati con frasi che richiamano l’obbligo di pagare quanto richiesto in quanto imprese iscritte alla Camera di Commercio. Ad avvertire i titolari di aziende è direttamente la Camera di Commercio di Cosenza: “Informiamo tutti gli utenti che periodicamente vengono spediti alle imprese dei bollettini di pagamento ingannevoli contenenti diciture che possono far credere di essere inviati dalla Camera di Commercio”. Questi falsi bollettini ingannevoli, non sono in alcun modo correlati con il versamento del diritto annuale camerale: “Si tratta di iniziative commerciali private, del tutto estranee all’attività istituzionale della Camera di Commercio di Cosenza” – si legge in una nota dell’ente camerale -“L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha considerato queste iniziative come PUBBLICITÀ INGANNEVOLE in quanto chi le organizza non è in alcun modo collegato alle Camere di Commercio e svolge attività di pubblicazione e vendita di riviste e fogli informativi per fini di lucro.”

Si tratta dunque di pratiche commerciali scorrette ed i versamenti di denaro richiesti non sono obbligatori, bensì legati all’adesione ad una proposta commerciale, finalizzata all’inclusione del nominativo dell’impresa in siti internet o cataloghi. La camera di Commercio di Cosenza raccomanda in questi casi o simili “di prestare la massima attenzione e di verificare l’attendibilità della richiesta. Si ricorda che attualmente il pagamento del diritto annuale camerale deve essere effettuato attraverso mod. F24 insieme al versamento del primo acconto delle imposte sui redditi”.

Ulteriori informazioni possono essere ottenute sul sito AGCM Tutela del Consumatore: http://www.agcm.it/consumatore.html