Bisignano, Veronique Capalbo: “Analisi del voto, leggiamo bene i dati”

Letture: 632

Il capogruppo di Riparti Bisignano, Veronique Capalbo, ha fatto il punto della situazione tracciando un quadro sulle europee a Bisignano.

Le analisi sul dato politico vanno sempre fatte a freddo ed interpretati con un approccio qualitativo.

Intanto, affermare che il partito di Forza Italia sia cresciuto a Bisignano rispetto ai dati del 2019 non ha molto senso ed infatti il confronto con le elezioni europee del 2019 non è stato fatto da alcuna forza politica neanche a livello nazionale o regionale.

Il dato va letto sempre rispetto alle ultime elezioni ed in questo caso le ultime elezioni sono quelle di Camera e Senato del 2022. Una prima considerazione da fare è che l’affluenza alle urne è diminuita e di molto! È scesa dal 57,18 al 39,74%, con un incremento dell’astensione di 17,44 punti percentuali, che denota dissenso e scarsa fiducia verso i partiti e i suoi rappresentanti e questo rappresenta una sconfitta per tutti.

Ma partiamo dai risultati elettorali e mettiamoli a confronto:

Come si evince da questa tabella, in valore assoluto Forza Italia, è l’unico partito con rappresentanti in seno al consiglio comunale ad aver perso consensi, pur essendo stato ufficialmente sostenuto direttamente dal Sindaco e da altri 5 membri della maggioranza tra assessori e consiglieri, che hanno rappresentato in termini di voto alle precedenti amministrative del 2021 ben oltre 1250 voti (escludendo i voti di lista e neutralizzando la doppia preferenza uomo/donna). Forza Italia ha preso 672 voti a fronte degli oltre 1250, che tutti si aspettavano venissero confermati, al punto da spingere lo stesso Sindaco, in occasione dell’incontro prima delle elezioni con il Presidente della Regione Occhiuto e dell’Assessore Gallo (tra l’altro scarsamente partecipata rispetto alle aspettative dalla popolazione locale), a rivendicare come suo il risultato dell’eventuale successo o insuccesso.

A questo si deve aggiungere il fatto che una consigliere eletta dal PD, dimessa per motivi personali, è stata surrogata da una consigliera di Forza Italia tesserata proprio a ridosso di queste elezioni europee. Dei partiti rappresentati in seno al consiglio comunale, confermano ed aumentano invece i loro consensi Stati Uniti D’Europa, la Lega ed il Partito Democratico. L’astensione al voto registrata di circa 1000 votanti è riconducibile molto verosimilmente a quegli elettori del Movimento 5 stelle, per i quali c’è stata appunto una corrispondente perdita di voti.

Ad avvalorare questa analisi e affermare con ragionevole certezza, contrariamente a quanto dichiarato dal Primo Cittadino alla stampa all’alba del 10 Giugno 2024 (link: http:// www.calabriainchieste.it/2024/06/10/forza-italia.diventa-il-primo-partito-di-bisignano-esulta-il-sindaco-francesco-fucile/ ) il tonfo di

Forza Italia a Bisignano, sono i risultati per sezioni: proprio le sezioni nn. 2-7-8-9-10 che gli hanno dato maggiore margine in termini di consensi alle amministrative del 2021 sono quelle che hanno manifestato ora il dissenso verso Fucile certificando il calo dei voti di Forza Italia.

L’affermazione alla stampa, inoltre, che la lista a guida Fucile sia civica presenta qualche incoerenza rispetto al passato considerato che ora il primo cittadino è tesserato Forza Italia, così come non è vero che lo stesso partito Forza Italia sia cresciuto visto che da 796 voti del 2022 è passato a 672, nonostante sia una forza di governo regionale molto vicina a questa amministrazione e nonostante abbia eletto recentemente un rappresentante in Provincia con una delega strategica per il nostro territorio!

Quindi, alla luce del dato elettorale, si consiglia di non mistificare e di non esultare per questo risultato elettorale dove a perdere sono proprio il Sindaco ed i suoi 5 amministratori azzurri.

‐—————————————————-

L’analisi del voto è stato eettuato in risposta a quanto aermato nell’articolo pubblicato al link: http://www.calabriainchieste.it/2024/06/10/forza-italia.diventa-il-primo-partito-di-bisignano-esulta-il-sindaco-francesco-fucile/ ).

Per cui alla successiva replica da parte del gruppo di Forza Italia si conferma che:

  • 1)
    Per verificare se un partito cresce nei consensi, il confronto va fatto con le ultime elezioni che sono state quelle di Camera e Senato 2022 per la conta dei voti, come rappresentato nei programmi giornalistici a livello nazionale, per tenere conto del trend e delle evoluzioni intervenute;
  • 2)
    Il voto di Forza Italia, nel mentre a livello regionale è aumentato sia in termini percentuali che in valore assoluto, nella città di Bisignano è diminuito in VALORE ASSOLUTO se è vero che 672 voti sono inferiori a 796 ed il risultato atteso doveva essere maggiore, considerato che è stato sostenuto da un numero rilevante tra consiglieri, assessore e sindaco tesserati al partito;
  • 3)
    Tale dato è stato messo a confronto con quello dei partiti sostenuti da altri consiglieri e assessori (maggioranza e opposizione) presenti in consiglio comunale, i quali sono tutti cresciuti sempre in termini assoluti (e quindi a maggior ragione in percentuale);
  • 4)
    Per quanto attiene alle convinzioni politiche del capogruppo di Riparti Bisignano, confermo di rappresentare una lista civica e di non avere alcuna tessera di partito, pur credendo nei valori e principi democratici ed avendo una posizione definita su temi quali il rispetto della persona, la laicità dello stato, l’economia, la tutela dell’ambiente (come dimostrato con la mancata realizzazione della piattaforma dei rifiuti), l’integrazione dei popoli e sulla competenza e trasparenza nell’amministrare la città nell’interesse della collettività. Sicuramente non maschero una posizione civica avendo in tasca una tessera di partito da togliere a giochi fatti;
  • 5)
    Infine, il confronto democratico tra tutta la maggioranza e minoranza dovrebbe avvenire in consiglio comunale dove, invece, diventa un monologo onirico di autoproclamazione in cui non c’è traccia di una puntuale ed esaustiva risposta alle numerose richieste ed interrogativi dell’opposizione.

Il capogruppo di Riparti Bisignano

Veronique Capalbo