Banda larga anche in Calabria. Arriva la connessione a 30Mbps

Letture: 1849

La Banda larga diventa realtà, anche in Calabria. Grazie ad un progetto approvato dalla Giunta regionale, che sarà realizzato con fondi comunitari, la connettività a trenta Mbps non sarà proibitiva nemmeno nella nostra regione attraverso un intervento sulle infrastrutture di rete, su tutto il territorio regionale. Il piano è stato presentato questa mattina a Catanzaro dal presidente della Regione, Giuseppe Scopelliti, e dall’assessore all’urbanistica Alfonso Dattolo. “Si tratta di un’infrastruttura importante ed abbiamo deciso di mettere in campo tutti gli strumenti per realizzarla – ha affermato il governatore -. In una regione come la nostra, dove ci sono forti ritardi, era necessario realizzare un progetto del genere che, di fatto, rivoluzionerà i territori e sarà un importante veicolo per lo sviluppo. Si stima, infatti, che con questo sistema il Pil potrà avere un aumento dell’1,2. E non a caso abbiamo investito due milioni di euro nell’Apq per Gioia Tauro che ha bisogno di questa struttura”. Il programma è finalizzato alla posa di cavidotti e di cavi ottici per consentire agli operatori di telecomunicazioni l’implementazione delle reti di accesso a banda ultra larga. L’investimento coinvolgerà, a regime, 53 Comuni calabresi, 43 dei quali con popolazione superiore a 7 mila abitanti e 10 con popolazione inferiore; interesserà 363 mila alloggi, di cui 200 mila con fibra disponibile alla base dell’edificio, che potranno essere abilitati ad una connettività di 30 Mbps; saranno inoltre collegati alla banda larga 236 edifici scolastici e 27 presidi sanitari calabresi. “Questo investimento – ha detto Dattolo – è un punto di partenza, una sfida per il futuro. Si tratta di una sfida da vincere a tutti i costi che consentirà alle nostre imprese di avere una maggiore competitività. Dall’Unione europea ci sono ingenti risorse in questo settore che riteniamo strategico. Contiamo di aiutare lo sviluppo della nostra Calabria e di ridurre il gap infrastrutturale”.

Fonte: Catanzaroinforma