ATTENZIONE ai falsi profili. La truffa corre su Facebook

faceb-truffa.azuri_ ATTENZIONE ai falsi profili. La truffa corre su Facebook

Sexy ricattatrici online: attenzione alla truffa

Pauline Azuri, è questo il nome di uno dei tanti falsi profili presenti su Facebook, che rischiano di mettervi nei guai. La sedicente ragazza, dietro il quale si nascondono veri e propri truffatori, sta in questi giorni, chiedendo l’amicizia su facebook a molti bisignanesi, per poi far scattare la truffa tramite la webcam. 

Il meccanismo è sempre lo stesso: una ragazza giovane e carina (o un uomo dalle fattezze muscolose) ti chiede l’amicizia, tu accetti e questo contatto poco dopo si manifesta chiedendoti di fare sesso virtuale, subito. In questo momento inizia il ricatto: i truffatori vi chiedono soldi per cancellare il filmato, minacciando in caso contrario di renderlo pubblico. È la truffa per eccellenza per i navigatori improvvidi: il ricatto in webcam su Skype e Facebook – ma anche su altri social – operato da presunte sexy interlocutrici, ma in realtà da organizzazioni di cyber-criminali ubicate per lo più nel Nord-Africa.

Molto spesso, quando le vittime ignorano le minacce, le organizzazioni criminali puntano allo spauracchio della pedofilia: molti lettori di Bisignano ci hanno segnalato di essere stati “immortalati”  in video il cui il titolo era “NOME E COGNOME SI MASTURBA DAVANTI AD UNA BAMBINA DI 12 ANNI”, utilizzando spesso immagini video che nulla hanno a che vedere con il truffato, video in cui la vittima si  denuda, anche se il tutto non è mai accaduto.  

DIFENDERSI DALLA TRUFFA
-Sospettate di ragazze molto avvenenti, con una foto dalla visuale perfetta e che si mostra con inquadrature provocanti.
-Attenzione se vi viene chiesto in modo veloce di vedervi in webcam
-Notate la lingua in cui si esprimono: molto spesso le organizzazioni criminali sgominate nel Nord-Africa si esprimevano in inglese incerto e basilare.
-Non accettate richieste di amicizia da persone sconosciute

Fate attenzione e segnalateci i profili sospetti, dopo averli segnalati anche a Facebook.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here