Al via il progetto “Laborobis” con 30 ragazzi

Letture: 1943

Al via con il “Laborobis”: il progetto avviato dalla Provincia di Cosenza e dal Comune di Bisignano, finanziato all’Upi “Azioni giovani provincie 2013”, è pronto al suo start. In una conferenza svolta al municipio di Collina Castello, i protagonisti di questo progetto hanno illustrato tutto quanto avverrà nei prossimi mesi, con due classi di ragazzi da quindici alunni pronti a riscoprire gli antichi mestieri. La liuteria, con Rosalba De Bonis, erede della storica famiglia musicale, e la ceramica con Marco Pirri, altro discendente di una storica famiglia di artigiani, saranno valorizzate, dal 10 gennaio prossimo, nei locali della curia dove i ragazzi inizieranno il loro percorso di formazione. Il progetto è stato così introdotto da Umile Maiuri, consigliere comunale alle politiche giovanili: «Il progetto è di notevole importanza, sposando le nostre qualità musicali e quelle artigiane. Dopo dodici anni, inoltre, si riaprirà alla grande una scuola del genere sul territorio». Stessa musica anche per il sindaco Umile Bisignano :«Questo progetto è frutto di una sinergia positiva tra istituzioni, in modo da valorizzare l’eccellenza dei ruoli. Ringrazio tutta la mia squadra, con il Comune che ha investito 35mila euro, e posso dire che sono soldi ben spesi». Con fiducia al futuro, guardando al prossimo museo della liuteria e ad altri progetti solidali, guarda avanti il vice sindaco Damiano Grispo: «Questo è uno spin off con conoscenze specifiche, che può portare a progetti ancora più ambiziosi». Era ospite anche l’assessore provinciale alla Cultura, Mario Caligiuri, che in modo telegrafico ha aggiunto: «I laboratori permetteranno maggiori chance occupazionali. Bisogna puntare su sani imprenditori e sugli antichi mestieri». Con la visita anche a quella che sarà prossimamente la sede delle lezioni, parte così l’avventura dei ragazzi alla ricerca della tradizione, con probabili incursioni anche in altre città, come Cremona, entrate nella storia della liuteria o della ceramica.

Massimo Maneggio
su: L’ora della Calabria